Prendere Mauro Icardi e piazzarlo accanto ad Arkadiusz Milik con James Rodriguez alle spalle della coppia d'attacco che mescola killer instinct, qualità e tecnica in area di rigore. Le ultime notizie di calciomercato sulle trattative del Napoli spostano i riflettori su quello che potrebbe essere il colpo grosso dell'estate oltre a James Rodriguez. E se per il ‘dieci' colombiano la strada è in discesa (c'è già l'accordo con il calciatore, si discute col Real dei cavilli legali quanto a formula e a cifre), la pista che porta all'attaccante argentino è tutta da battere. Al momento è un po' come trovarsi nella folta boscaglia e serve un decespugliatore per farsi largo tagliando via la concorrenza (in particolare la Juventus), le resistenze della moglie/agente (non è un mistero che la maglia bianconera sia la prima scelta e nemmeno ci sia stato un primo summit a Ibiza) e i dubbi del calciatore (che nelle ultime ore sembra aver concesso una maggiore apertura ai partenopei).

Maurito con Milik in attacco, l'ipotesi caldeggiata da Ancelotti

Non esiste una vera e propria trattativa, nulla di ufficiale – come per il calciatore madrileno – ma i contatti tra le parti ci sono stati e hanno avuto impulso, anche in questo caso, su una richiesta da parte del tecnico, Carlo Ancelotti. C'è fiducia nella punta polacca ma piazzare lì davanti un giocatore delle qualità e del profilo tattico di Maurito renderebbe la prima linea azzurra più forte e soprattutto porterebbe in dote quel numero di gol che al Napoli sono mancati in rapporto all'elevata quantità di occasioni da rete create e di gioco prodotto.

La possibile offerta del Napoli per Icardi

Quanto è disposto a offrire il club campano? Le indiscrezioni dell'ultima ora confermano che 60 milioni di euro (poi si ragionerebbe su eventuali bonus e ulteriori termini contrattuali da definire) è la cifra che da Napoli ritengono congrua da mettere sul piatto dell'Inter. Quanto al giocatore, gli verrebbe sottoposta un'offerta da circa 8 milioni a stagione più bonus (coi quali arriverebbe a dieci) provando anche a mediare per una soluzione sui diritti d'immagine.

Cessioni oppure sacrificio di Insigne, i soldi per la trattativa

Dove li trova tutti questi soldi la società azzurra? Le strade sono due ma sia nell'uno sia nell'altro caso servirà lavorare con grande pazienza e diplomazia perché l'affare vada in porto.

  • La prima un po' più lunga comporta anzitutto accelerare sulle cessioni: Inglese, Verdi, Ounas, Mario Rui, Hysaj, Inglese sono i nomi che rientrano nel monte/tesoretto da incassare e reinvestire.
  • La seconda – ipotesi lasciata filtrare anche nelle settimane scorse – comporta il sacrificio di Lorenzo Insigne. Il ‘magnifico numero 24' ha una quotazione di mercato di 70/80 milioni di euro, guadagna uno stipendio importante (4.6 milioni netti a stagione, il secondo più pagato considerato che a breve Koulibaly beneficerà della robusta integrazione per il rinnovo) e può essere una pedina importante da utilizzare nello scambio.