I tifosi spagnoli che si erano divertiti alle spalle della nazionale italiana, ridendo dopo l'apocalisse azzurra, faranno meglio a guardare a ciò che è successo in casa loro e a quello che accadrà nei prossimi giorni dopo la clamorosa eliminazione delle "Furie Rosse" dal Mondiale. Sullo stesso aereo che ha riportato in Spagna Leo Messi e Cristiano Ronaldo, sono infatti saliti anche i giocatori di Hierro: ora attesi dalle critiche dei media e dei tifosi e da una ricostruzione particolarmente difficile.

L'epilogo dell'ottavo di finale con la Russia, apre quindi una fase molto delicata per la federazione spagnola che si troverà a dover tentare di ridare un'anima ad un gruppo già pesantemente condizionato dall'esonero di Lopetegui e dall'incarico "last minute" assegnato a Fernando Hierro. Il futuro è dunque decisamente nebuloso, anche perché il primo a lasciare la barca ormai completamente affondata è stato il giocatore più importante della selezione iberica: Andres Iniesta.

Il futuro di Hierro e il tweet di Pepe Reina

Il ritiro dell'illusionista catalano è stato un colpo al cuore per tutta la nazione, un addio triste al quale Sergio Ramos ha tentato di metterci una pezza assicurando il suo impegno e la sua presenza anche in vista dell'edizione del 2022: "Da capitano sono orgoglioso dei miei compagni – ha dichiarato il madridista – Spero che il nostro ciclo non sia finito e di poter aiutare la Spagna anche ai prossimi Mondiali in Qatar".

Oltre ad un nuovo regista, pare evidente che la federazione spagnola debba anche trovare un nuovo commissario tecnico. "Decideremo tra una settimana cos’è meglio per questo gruppo", ha specificato con parole di circostanza e rimandando ogni discorso di avvicendamento il presidente Rubiales. Una dichiarazione arrivata a poche ore dal post di Pepe Reina: "Andiamo via con tutto il dolore nei nostri cuori e nelle nostre anime. Avevamo il sogno di tornare ad alzare la Coppa ma non è stato possibile – ha spiegato lo spagnolo su Twitter – Sempre orgoglioso di questo gruppo e soprattutto di essere spagnolo. Dobbiamo riposare, poi rialzarci e tornare a lottare! Grazie per il vostro sostegno".