Il mondiale è ormai alle porte e la clessidra, che ci ha fatto attendere ben quattro anni, sta per rovesciare tutta la sua sabbia nell’ampolla in basso. Segno, che è davvero giunto il momento di far rotolare il pallone sul prato verde e dare spazio alle 32 squadre presenti. Giovedì, infatti, si aprirà la ventunesima edizione della rassegna iridata che, poi, dopo oltre un mese e 64 gare totali, si concluderà allo stadio Luzniki di Mosca il 15 luglio alle ore 17.

E così, anche per dare un po’ di ordine a tutte le sfide in programma, ecco una infografica che può aiutare ad orientarsi in questo festival del calcio, in questo mare magnum di football ininterrotto 12 ore al giorno, sette giorni su sette.

Le gare più interessanti dei gironi

Questo mondiale non ha bisogno di spingersi oltre i gironi per mettere in scena gare dall’altissimo contenuto tecnico. Già dai gruppi, grazie al ranking Fifa e ad un sorteggio un po’ ballerino, infatti, assisteremo a numerose partite di grande livello. Basti pensare che, nemmeno 24 ore dopo l’avvio della manifestazione, sarà tempo, alle 20 ora italiana, del derby iberico, decisivo per il primato nel Gruppo B, fra Portogallo e Spagna. Un big match che potrebbe valere una finale e che mette insieme due delle formazioni più vincenti dell’ultimo decennio (specie grazie alle Furie Rosse). A seguire, il 17 di giugno, remake delle semifinali di Confederations Cup fra Germania e Messico per il Gruppo F con Low e compagni chiamati a confermare il ruolo di protagonista del torneo. Ancora, il 17 giugno alle 20 Brasile-Svizzera con, solo pochi giorni più tardi, e precisamente il 21 giugno alle 20 allo stadio Nižnij Novgorod, sfida accesissima fra Argentina e Croazia per la leadership del Gruppo D. A chiudere il cerchio, negli ultimi giorni della fase a gruppi col girone, cosiddetto, all’italiana, Serbia-Brasile il 27 giugno alle ore 20 e Inghilterra-Belgio il giorno dopo ma allo stesso orario per il primato nel Gruppo G.

 

I possibili incroci agli ottavi: Francia-Croazia, Uruguay-Portogallo e Belgio-Colombia

Sugli sviluppi dei risultati dei gironi e con la griglia del tabellone già definita, per incastri e incroci, siamo già in grado di prevedere una fase a eliminazione diretta, dagli ottavi di finale in avanti, davvero al cardiopalma. La Francia, infatti, che, a mani basse, almeno sulla carta, dovrebbe dominare il suo Gruppo C su Australia, Perù e Danimarca potrebbe doversi confrontare subito con una big del torneo il turno successivo andandosi a scontrare, nel suo binario obbligato col Gruppo D, con una fra Argentina e Croazia che, nel girone predetto, dovrebbero finire al secondo posto. Un Francia-Croazia, ipotizziamo, il 30 giugno alle 17 davvero niente male. Così come niente male pare essere un altro ottavo, quello fra i gruppi A e B, che dovrebbe riportare un confronto fra Uruguay, primo nel girone dei padroni di casa, e Portogallo, immaginiamo secondo dietro la Spagna. Vita un po’ più semplice per la Germania campione in carica che, evitando il Brasile, affronterebbe una fra Svizzera e Serbia, col Belgio, invece, secondo dietro l’Inghilterra, a duellare per restare in vita con la Colombia del gioiello James Rodriguez, favorita nel gruppo H con Polonia, Senegal e Giappone. Insomma, di qui al 15 luglio, senza andare oltre con i pronostici, sarà un mondiale bellissimo.