Un attaccante da piazzare in cima al tridente. Un attaccante forte abbastanza da costituire un tandem forte e dirompente con Cristiano Ronaldo e Paulo Dybala. Nelle notizie dell'ultima ora sulle trattative della Juventus c'è anche l'interesse concreto per Romelu Lukaku, l'attaccante belga seguito dall'Inter. Finora i nerazzurri non sono riuscito a sbloccare l'operazione né a trovare la formula giusta per imbastire l'affare perché bloccati dalla vicenda Mauro Icardi. L'argentino non rientra più nei piani del club né in quelli di Antonio Conte che ha già fatto sapere – alla società e allo stesso calciatore – di avere idee differenti per la prima linea: l'ex Everton e un vecchio pallino che avrebbe voluto con sé al Chelsea, quell'Edin Dzeko che dalla Capitale non hanno più alcuna fretta di vendere avendo già raccolto la somma necessaria a bilancio per rispettare la road map del fairplay finanziario.

Quanto chiede il Manchester United per Lukaku

Il duello per la punta dei Red Devils è una finestra spalancata su uno scenario da domino di calciomercato, una reazione a catena tra Torino e Milano che può avere effetti anche su altre due piazze molto cade in Serie A, Napoli e Roma. La certezza in questa fase è rappresentata dalla richiesta economica del club di Old Trafford: 70/75 milioni di euro (quotazione attuale, secondo Transfermarkt) in virtù di un contratto fino al 2022 (con opzione per quella successiva) e del costo sostenuto due anni fa per rilevarlo dall'Everton (84.7 milioni).

Icardi tiene in stallo l'Inter, l'azione di disturbo della Juventus

Una somma alla quale l'Inter, per adesso, non può arrivare nonostante abbia un accordo di massima con il giocatore proprio per lo stallo creato dalla situazione Icardi. Ed è questo lo snodo cruciale dell'intera situazione, il tappo che ha creato l'ingorgo in casa interista e del quale prova ad approfittare la Juventus che s'è messa sulle tracce della punta. Una chiara operazione di disturbo nonostante la stessa Juve non sia ancora in grado di affondare il colpo dovendo risolvere le posizioni di Mario Mandzukic e Gonzalo Higuain, due calciatori nella lista della cessioni.

Il Napoli prova ad affondare il colpo per l'argentino

Ed è qui che entrano in gioco sia il Napoli sia la Roma. Il club di Aurelio De Laurentiis s'è fiondato su Icardi (lo fece anche all'epoca dell'addio del Pipita) proponendo all'Inter un'operazione da 60 milioni di euro e un contratto ricco al calciatore che al San Paolo potrebbe ritrovare quel calore e quegli stimoli smarriti a San Siro.

La Roma attende Higuain

Quanto ai giallorossi, hanno tutto l'interesse a non fare sconti sul cartellino per Edin Dzeko e in attesa che Gonzalo Higuain dica chiaramente cosa vuol fare bussa alla porta del Real Madrid per Mariano Diaz. Nell'uno (il Pipita) e nell'altro caso (il 7 dei blancos) la questione ingaggio netto (7/7.5 l'argentino, 6.5 lo spagnolo) è uno scoglio difficile da superare.