Nelle ultime ore il grande popolo dei tifosi italiani si è diviso in due partiti: quelli entusiasti dell'arrivo di Cristiano Ronaldo alla Juventus e quelli invidiosi (e quindi già stufi di questo clamore) di ciò che è riuscita a fare la dirigenza bianconera. Posizioni contrastanti e sentimenti legittimi che hanno coinvolto non solo i tifosi comuni ma anche quelli conosciuti dal grande pubblico.

Valentino Rossi è uno di questi. Il pilota della Yamaha, da sempre tifosissimo dell'Inter, non si è infatti tirato indietro quando gli hanno chiesto un parere sullo sbarco nel nostro paese del fenomeno di Madeira: "È una cosa bellissima per il calcio italiano – ha spiegato il "Dottore" ai microfoni di Sky Sport – Mi piacerebbe molto andarlo a vedere a San Siro o allo Stadium in un Juve-Inter. Per quelli che non sono juventini non è una bella notizia".

L'esordio di Cristiano Ronaldo

Per la tribù bianconera, oltre alla gioia di vedere il cinque volte Pallone d'Oro giocare a fianco di Paulo Dybala, c'è dunque anche quella sana soddisfazione di godere del "rosicamento" delle altre tifoserie: spiazzate e colpite dal colpo di mercato della Juventus. Per vedere all'Allianz Stadium CR7, il popolo juventino dovrà però attendere. La tanto reclamizzata festa di presentazione, che avrebbe dovuto riempire l'impianto piemontese nella giornata di lunedì prossimo, è stata infatti smentita dalla società di corso Galileo Ferraris.

Il portoghese arriverà in Italia proprio lunedì prossimo, ma si limiterà ad incontrare la stampa per la consueta conferenza. Il tutto dopo le visite mediche e la firma sul contratto faraonico: 30 milioni di euro per i prossimi quattro anni. L'esordio con la maglia bianconera non sarà il 5 agosto contro il Real Madrid (secondo Bein Sport, i due club hanno concordato che CR7 non giocherà), ma molto più probabilmente con le successive squadre che i campioni d'Italia affronteranno dopo i "Blancos": Bayern Monaco e Benfica.