Con lo scudetto ad un passo (basterà pareggiare nel prossimo turno di Serie A contro la Spal), la Juventus si rituffa nell'atmosfera magica della Champions League. Mercoledì 10 aprile i bianconeri affronteranno nell'andata dei quarti in trasferta l'Ajax. Una squadra che è reduce dall'impresa con il Real Madrid campione in carica, e che dunque non dovrà essere sottovalutata. Federico Bernardeschi in un'intervista ai microfoni del sito dell'Uefa ha parlato del prossimo impegno contro i Lancieri.

Juventus, attenta all'Ajax. Bernardeschi esalta le doti degli olandesi

Grande protagonista nel match di ritorno degli ottavi contro l'Atletico (è stato lui a procurarsi il rigore del definitivo 3-0), Federico Bernardeschi scalpita in vista di Ajax-Juventus. Guai a sottovalutare i tanti giovani talenti della squadra olandese, prima in campionato e capace di eliminare il Real Madrid: "L'Ajax è una squadra giovane, piena di talento e che gioca a calcio. Sono molto forti e dei grandi atleti quindi dovremo fare attenzione a tutte queste loro qualità. È la Champions League; nessuna squadra concede niente quindi dovremo fare due grandi partite per ottenere il risultato che vogliamo. Quello che hanno fatto a Madrid ha sorpreso tutti ma questa è la Champions League e tutti possono battere tutti. Non ci sono regole. Ogni partita è una battaglia".

La Juventus può vincere la Champions, Bernardeschi vive alla giornata

Può essere l'anno buono per la vittoria della Champions? Bernardeschi preferisce concentrarsi sulla singola partita: "Vincere la Champions? Sarebbe fantastico per tutti ma innanzitutto è molto bello, un onore e un orgoglio essere ai quarti di finale. Dopo di ciò chi lo sa… potremmo anche arrivare fino in fondo ma credo che sia importante pensare partita dopo partita. Non si deve guardare troppo in avanti". A tal proposito testa all'Ajax per rivivere una serata come quella contro l'Atletico: "Proveremo a vivere un'altra serata come quella per i tifosi e per il club. Sono queste le serate indimenticabili".

Cosa significa per Bernardeschi giocare nella Juventus

Cosa significa per Bernardeschi vestire la maglia della Juventus? L'ex Fiorentina lavora per migliorarsi ogni giorno, sfruttando una notevole tenuta mentale: "È una cosa davvero meravigliosa ed entusiasmante. C'è indubbiamente pressione ma è una pressione positiva che aiuta a tirare fuori il meglio da se stessi. Essere parte di un club così grande, di una squadra così importante, che ha avuto tanti grandi giocatori nel corso degli anni, è un privilegio, un onore e un qualcosa di cui essere orgogliosi. Ho sempre detto che il mio vero punto di forza è la mia forza mentale, più delle mie caratteristiche tecniche o fisiche. Mi dà un piccolo vantaggio quando si tratta di raggiungere degli obiettivi. Ho molti anni di carriera davanti a me e quindi ci sono molte cose che spero di vincere, ma di sicuro voglio vincere la Champions League".