La Francia è campione del mondo. La nazionale allenata da Deschamps che ha battuto la Croazia nella finale di Russia 2018, ha spento anche i sogni dell'Argentina. La squadra di Sampaoli, che proprio oggi ha detto addio all'Albiceleste, si è resa protagonista di un clamoroso flop, travolta anche dalle solite voci su uno spogliatoio tutt'altro che coeso. Voci che da sempre accompagnano lo spogliatoio dell'Argentina e che a quanto pare non sono del tutto infondate, alla luce delle ultime rivelazioni di un ex nazionale ovvero Nicolas Burdisso.

Argentina, Burdisso e il retroscena sullo spogliatoio incandescente nel 2011

Il 37enne che ha deciso di ritirarsi dopo aver vestito le maglie di Boca Juniors, Inter, Roma, Genoa e Torino. Dal 2003 al 2011, il difensore centrale ha fatto parte del giro della nazionale argentina collezionando 49 presenze e 2 gol. E proprio nel 2011 Burdisso giocò la Copa America casalinga, con l'Albiceleste che deluse le aspettative arrendendosi ai quarti contro i futuri campioni dell'Uruguay. Un torneo che fu contraddistinto da grandissime polemiche, e da un'atmosfera incandescente nello spogliatoio argentino.

Burdisso e la lite con Messi in Argentina-Colombia

In particolare in occasione della sfida della fase a gironi contro la Colombia, finita in parità Burdisso si rese protagoniste di un acceso diverbio con Leo Messi. A raccontare il tutto ci ha pensato l'ormai ex difensore nel corso di un'intervista ai microfoni di Telefe: "Si discute, sono cose che accadono molto spesso nello spogliatoio, abbiamo discusso in campo, voleva la palla, volevo dargliela ma non ci riuscivo, era a disagio con il gioco, io con la situazione".

Burdisso, Messi e la rissa sfiorata

E la situazione tra Burdisso e Messi ha rischiato seriamente di degenerare. I due sono entrati in rotta di collisione e solo l'intervento dei compagni ha impedito che il diverbio si trasformasse in uno scontro fisico: "Siamo andati nello spogliatoio a discutere e quando ho visto che la situazione si stava scaldando mi sono fermato, ma ci hanno separati. Lionel ha un carattere forte e va bene perché io sono uguale. Non sono più tornato in Nazionale". Un mancato ritorno legato però ad un infortunio al ginocchio molto grave che poi lo ha fatto uscire dal giro della nazionale.