Quanto manca Mauro Icardi all'Inter? A rispondere a questa domanda ci ha pensato Matteo Politano. L'ex Sassuolo protagonista nell'ultimo successo dei nerazzurri contro la Spal era finito al centro di un piccolo caso dopo il rimbrotto di Perisic per la sua esultanza in stile Maurito nel match di Firenze. Interpellato sul peso specifico dell'argentino nella squadra di Spalletti, Politano non ha usato giri di parole per parlare di Icardi, che rischia di restare fuori anche nelle prossime partite, derby compreso.

Politano e l'assenza di Mauro Icardi per l'Inter

Intervenuto a margine della presentazione della Junior Tim Cup, Matteo Politano ha parlato di Mauro Icardi. I buoni rapporti tra i due non sono un mistero e l'ex Sassuolo ha infatti sottolineato come l'assenza del bomber argentino si senta nella formazione di Spalletti: "È normale sentire la sua mancanza, il suo apporto è stato fondamentale per sei mesi, ora ci auguriamo che torni presto. Ha un problema al ginocchio, deciderà lui quando sarà disponibile". Per vedere in campo l'ex capitano bisognerà aspettare ancora qualche partita, visto che Icardi dovrebbe saltare sia l'Eintracht che il Milan. Contro i tedeschi Maurito potrebbe essere in tribuna, situazione gradita a Politano che preferirebbe averlo al suo fianco: "Per noi è un onore averlo in tribuna, ma è meglio se è in campo con noi". L'attaccante italiano non vuole sminuire assolutamente Lautaro Martinez protagonista finora di un ottimo lavoro: "Al suo posto sta giocando Lautaro che è molto simile per caratteristiche, dal punto di vista tattico è rimasto tutto invariato”.

L'Inter e le partite contro Eintracht e Milan

A prescindere dagli assenti, vietato sbagliare per l'Inter che si prepara a vivere una settimana fondamentale con la doppia sfida contro Eintracht e Milan. I nerazzurri seppur in emergenza dovranno provare a gettare il cuore oltre l'ostacolo: "Ci sono tante partite, quindi bisogna prepararne una alla volta, a cominciare da quella di giovedì. Di certo sarebbe fondamentale vincere il derby, ma pensiamo prima all’Eintracht. Abbiamo le qualità per stare in alto, anche se le rivali sono tante in zona Champions"