Quella di Paratici è un’affermazione fuori luogo. Se lui dice che vedrà a giugno per Icardi, lo stesso posso dire io per Dybala.

Beppe Marotta non ha gradito le parole di Fabio Paratici sul possibile interessamento della Juventus per Mauro Icardi e ha risposto per le rime all'ex collega. L'amministratore delegato della squadra nerazzurra è stato molto fermo nel rispondere al responsabile dell’area sport bianconera che in mattinata si era espresso su un presunto interesse della Vecchia Signora per l'attaccante argentino. A chiusura dell'assemblea, il presidente Stevan Zhang ha spiegato il caso-Icardi alla luce degli ultimi eventi:

Non lo cederemo, non lo cederemo mai alla Juventus. Crediamo che continuerà a crescere con noi. Lo consideriamo parte della nostra famiglia. Altri affari con la Juventus? Nel calcio mai dire mai, non mi piace parlare dei singoli e delle singole squadre. La Juventus sta facendo bene e non voglio ci siano conflitti con nessun club. Il nostro obiettivo è far crescere il calcio italiano ed europeo.

Il presidente della Beneamata ha aggiunto che presto sarà presentata una proposta di rinnovo di contratto a Mauro Icardi, così come aveva preannunciato Beppe Marotta domenica sera prima della gara con la Sampdoria e durante la sua telefonata a Tiki Taka.

Paratici: Icardi? A giugno vedremo…

Ai microfoni della trasmissione radiofonica Radio anch’io sport su Radio 1 il responsabile dell’area sport bianconera si è espresso sull’interesse della Juventus per Mauro Icardi, con possibile appuntamento rimandato a giugno:

Icardi ora è un giocatore dell’Inter, siamo in febbraio e noi abbiamo delle partite molto importanti da preparare. Sono domande che torneranno di attualità, o no, solamente a giugno. La nostra era un’operazione informativa, sull’eventualità che Icardi potesse cambiare squadra e se la Juve potesse essere una squadra di suo gradimento. Una cosa che si fa sempre nei periodi di mercato. Ma non era un’azione di disturbo e ultimamente non ci sono stati contatti con la signora Icardi.