L'Italia del calcio si lecca le ferite dopo la clamorosa eliminazione dal mondiale russo. Le due brutte serate di Solna e San Siro, hanno infatti mandato all'aria tutti i piani della Federazione e i sogni di ogni tifoso azzurro. All'alba di un terremoto che inevitabilmente colpirà la Figc, la figura di Gian Piero Ventura è quella che, per prima, subirà le conseguenze del mancato accesso alla Coppa del Mondo della prossima estate.

La panchina italiana, da dopo il triplice fischio di San Siro, è infatti in cerca di un padrone. Nelle prossime ore, dopo la riunione indetta da Carlo Tavecchio (anch'egli traballante), i giocatori e i tifosi conosceranno il destino dell'attuale commissario tecnico e il suo probabile sostituto.

Il sogno di Tavecchio.

A prendere inizialmente il posto di Ventura, secondo Premium, potrebbe essere Gigi Di Biagio. L'attuale ct dell'Under 21 traghetterebbe la squadra fino all'arrivo del nuovo selezionatore: nome che uscirà dal mazzo di quattro tecnici già individuati dal presidente federale.

Il sogno di Carlo Tavecchio, secondo indiscrezioni, è quello di convincere Carlo Ancelotti ad accettare il prestigioso incarico. L'ex tecnico del Bayern, che ha ripetuto più volte di preferire un club alla nazionale, potrebbe accettare solo davanti alla certezza di avere carta bianca e determinate garanzie soprattutto sul rapporto con le società e per gli stage.

Mancini si è già proposto.

Meno problematica, invece, è la posizione di Roberto Mancini. L'attuale allenatore dello Zenit San Pietroburgo, ha invece dichiarato apertamente di volersi sedere sulla panchina italiana. Se dovesse fallire con la squadra russa, il "Mancio" potrebbe dunque svincolarsi in anticipo e tornare clamorosamente in Italia per guidare gli Azzurri verso il prossimo Europeo. L'idea di un "Conte bis" e di un coinvolgimento di Massimiliano Allegri sembrano aver perso consensi nelle ultime ore, così come pare molto improbabile la scelta di affidare la Nazionale a Vincenzo Montella: destinato a lasciare il Milan a fine stagione.