Dopo due mesi di assenza ritornano nella quotidianità dei club nostrani Champions ed Europa League. Due competizioni importantissime in cui le nostre esponenti non vorranno assolutamente sfigurare in una tre giorni ricca di insidie e di sfide esaltanti. Mancherà la Juventus, attesa all’esame internazionale settimana prossima, ma ci saranno un po’ tutte le big della Serie A con Roma, Lazio, Napoli e Inter impegnate contro Porto, Siviglia, Zurigo e Rapid Vienna per, rispettivamente, ottavi e sedicesimi di finale delle predette manifestazioni.

E così, quando mancano poche ore all’esordio dei giallorossi di Di Francesco contro i campioni del Portogallo allenati dall’ex Lazio Sergio Conceicao, ecco come arrivano le nostre squadre, in termini di uomini e mezzi, agli appuntamenti continentali.

Capitolo Champions League: Schick out, chance per Olsen e Manolas

Per la Champions League, come detto, spazio alla sola Roma che, in questa specifica settimana, avrà tutto per sé il proscenio nazionale. Una Roma attesa ad un ottavo alla portata anche se non con tutta la rosa a disposizione. Certo, i giallorossi sono in un momento, almeno in campionato, positivo con sei risultati utili di fila (4 vittorie e 2 pareggi) ed un Dzeko, negli ultimi tempi, ritrovato con tre reti nelle ultime tre. Eppure, l’organico non potrà poggiare sulle qualità di Schick, per un fastidio muscolare accusato contro il Chievo, di Under e di Perotti, lungodegenti, ma potrebbe veder reintegrati Manolas e Olsen ad un passo dal pieno recupero.

  • Roma (4-2-3-1): Mirante; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; De Rossi, Cristante; Zaniolo, Pellegrini, El Shaarawy, Dzeko.

Europa League: Napoli senza Verdi e Rui, l'Inter recupera Brozovic. Nella Lazio dubbio Immobile

Quanto all’Europa League, buone nuove in casa Lazio per la delicata sfida di andata contro il Siviglia di André Silva e Franco Vazquez. Dall’infermeria, infatti, stante le sicure assenze di Milinkovic-Savic, che resterà fermo per almeno venti giorni per una lesione muscolare di primo grado all’adduttore della coscia sinistra, di Wallace, il cui rientro è previsto per inizio marzo, e di Lukaku giungono notizie piuttosto positive. Chance di recupero per Luiz Felipe, che pare aver smaltito lo stiramento alla coscia rimediato con l’Empoli, per Luis Alberto, che ieri ha svolto l’intera seduta con la squadra, e per il bomber, ex di turno, Ciro Immobile con il biancoceleste possibile ariete davanti malgrado la recente elongazione al flessore della coscia sinistra.

  • Lazio (3-5-2) Strakosha; Luiz Felipe, Acerbi, Radu; Marusic, Parolo, Leiva, Lulic; Correa, Luis Alberto, Caicedo (Immobile)

In casa Inter notizie importanti per mister Spalletti che, bagarre Icardi a parte, potrà avere a disposizione Borja Valero per il match col Rapid Vienna. Recupero fondamentale sulla mediana per l’assenza dello squalificato Brozovic ma, soprattutto, per le indisponibilità di Gagliardini e Joao Mario, fuori dalla lista europea. Assenti, pure Skriniar, colpito da sanzione disciplinare nel corso dei gironi Champions, e Dalbert, anche lui ai margini dei referti continentali. Per il resto, gruppo piuttosto compatto, forte della vittoriosa gara al ‘Tardini’ col Parma e pronto a vincere fuori dal ‘Meazza’ e sfatare il tabù che vuole i nerazzurri con i tre punti in trasferta in un solo caso nelle ultime dieci gare esterne internazionali.

  • Inter (4-2-3-1) Handanovic; Cedric, Miranda, De Vrij, Asamoah; Vecino, Borja Valero; Politano, Nainggolan, Candreva; Martinez.

A chiudere la tre giorni europea, poi, alle ore 21, il Napoli di scena alla Letzigrund Arena di Zurigo contro la formazione elvetica. Sulla carta, non c’è partita ma i padroni di casa, nella specifica contesa, non hanno nulla da perdere e getteranno nella mischia tutto il loro cuore. Gli azzurri però, potranno rispondere con un buon undici al netto delle defezioni di Younes, di Mario Rui, problema muscolare rimediato a Firenze per lui, e di Verdi che, malgrado lo scampolo di match giocato al ‘Franchi’, ha accusato qualche noia muscolare e potrebbe non essere della partita. Già pronto però, Ounas dal primo minuto.

  • Napoli (4-4-2) Ospina; Malcuit, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Ounas, Diawara, Fabian Ruiz, Zielinski; Insigne, Mertens.