Juventus - Siena

La Juventus con un perentorio 3 a 0 ha sbrigato la pratica Siena, presentandosi nel migliore dei modi alla prossima sfida con il Napoli. Preziosi successi esterni per la Roma sul campo dell'Atalanta, e per il sorprendente Catania in casa del Parma. Emozioni a non finire a Cagliari con i sardi che alla fine l'hanno spuntata sul Torino. A chiudere la giornata, lo spettacolo di San Siro nel derby tra Milan e Inter. Non è finita: il Napoli non è andato oltre lo 0-0 al Friuli contro l'Udinese. Troppe le occasioni sprecate dagli azzurri (con Cavani e Hamsik), che lamentano anche un paio di rigori non concessi. Azzurri a -6 dai bianconeri e venerdì sera c'è lo scontro diretto al San Paolo. Il 2-0 della Lazio al Pescara chiude (quasi) la giornata spezzatino: biancocelesti al terzo posto in classifica, a 5 punti di distacco dal Napoli. Il recupero Bologna-Fiorentina s'è rivelato fatale ai viola: 2-1 in favore dei rossoblu, occasione fallita per i viola.

Bologna-Fiorentina 2-1 (26′ pt Ljajic, 12′ st Motta, 39′ st Christodoulopoulos) – Il Bologna in rimonta archivia la pratica Fiorentina e conquista punti importanti in chiave salvezza. Occasione sprecata per i viola che vanno in vantaggio, sprecano molto e lasciano che i felsinei rientrino in partita. Fallito l'aggancio al quarto posto da parte della squadra di Montella: la corsa Champions non è finita, ma si fa più difficile. Dopo il gol nel primo tempo di Ljajic gli emiliani nella ripresa hanno capovolto il risultato grazie a Motta e all'ultimo arrivato Christodoulopoulos. Un successo prezioso per gli emiliani, mentre i toscani falliscono l'aggancio al Milan al 4° posto

Lazio-Pescara 2-o (26′ pt Radu, 36′ pt Lulic) – Senza faticare troppo, la Lazio ha battuto per 2 a 0 il Pescara e si è ripresa il terzo posto. Le reti sono arrivate entrambe nel primo tempo. Al 26’ con una staffilata dalla distanza Radu ha realizzato il suo primo gol in Serie A. Dieci minuti più tardi Lulic, con un destro fantastico, ha superato Pelizzoli. Nella ripresa i biancocelesti hanno controllato il risultato. Petkovic sabato sera a ‘San Siro’ sfiderà il Milan, Bergodi nelle ultime sette partite ha ottenuto solo un punto.

Udinese-Napoli 0-0 – Al ‘Friuli’ Udinese e Napoli pareggiano per 0 a 0. E' mancato solo il gol alla squadra partenopea, che le provate tutte ma sotto porta non ha avuto fortuna e nemmeno la giusta freddezza. Guidolin e Mazzarri non sono felici, fa festa invece Antonio Conte perché adesso la Juventus ha sei punti di vantaggio sui partenopei. Il match è stato bruttino. Nel primo tempo c’è stato solo un tiro in porta. Padelli è stato bravissimo su Hamsik. Nella ripresa gli azzurri hanno fatto la partita, ma non sono riusciti ad impegnare il portiere avversario. Cavani per la sesta volta di fila non ha segnato, per sua fortuna il mese di febbraio è finito.

Milan-Inter 1-1 (20′ pt El Shaarawy, 35′ st Schelotto) – Le due fazioni di Milano sorridono a metà questa sera. Il derby della Madonnina termina in parità, un risultato che tutto sommato sembra giusto ed accontenta entrambe: il Milan ha dominato nel primo tempo, l’Inter ha fatto la partita nella ripresa. Un De Sciglio straripante nella prima frazione ha messo in crisi la difesa nerazzurra, poi al 20′ il vantaggio targato El Shaarawy, che sigla il primo gol della sua carriera in un derby, fa esplodere San Siro. A questo punto Handanovic indossa l’abito da Superman ed impedisce ai rossoneri di dilagare. Nella ripresa, però, la musica cambia. La squadra di Allegri paga la stanchezza della Champions ed i nerazzurri, messi meglio in campo, trovano il pareggio al 70′ con Schelotto.

Juventus – Siena 3-0 (29′ pt Lichtsteiner, 28′ st Giovinco, 44′ st Pogba) – Buon inizio del Siena con Rosina che se ne va sulla destra e prova il cross da posizione defilata, senza fortuna. Al 7° chanche non sfruttata da Bonucci che da ottima posizione liscia clamorosamente il pallone. La Juve aumenta il pressing e Lichtsteiner al 14° sfiora l'incrocio dei pali dopo un uno-due con Vucinic. Subito dopo ci prova Pogba dal limite ma il suo tiro è fuori. Al 19° Pegolo decisivo a togliere dalla porta un bel tiro a giro di Marchisio. Al 25° ammonizione per Della Rocca che trattiene Giovinco: sulla punizione Pegolo anticipa Vucinic. Lictsteiner porta in vantaggio la Juve al 29°: lancio illuminante di Vucinic, Pegolo esce malissimo e il pallone rimbalza sul terzino svizzero che insacca. Al 37° ancor Juventus con Pogba che con un piattone dal limite impegna a terra Pegolo. I bianconeri controllano il match e al 20° della ripresa Vucinic lasciano il posto a Matri. Poco prima Pirlo con uno splendido pallonetto aveva sfiorato il gol. Gol che arriva al 28° grazie a Giovinco che da posizione defilata tira di prima intenzione piegando le mani a Pegolo. Subito dopo gran parata di Buffon che devia sulla traversa un tocco di Emeghara. Torna in campo Chiellini al posto di Asamoah. Al 44° gol di Pogba con un gran rasoterra dal limite

Atalanta-Roma 2-3 (8′ ,  43′ pt Livaja, 12′ pt Marquinho, 32′ pt Pjanic, 29′ st Toosidis) –  Al 2° minuto di gioco Livaja prova il tiro da fuori pallone altissimo. Livaja porta in vantaggio i nerazzurri all'8°: l'ex Inter a porta vuota non sbaglia dopo un assist perfetto di Bonaventura. Dura poco il vantaggio atalantino: grande azione di Marquinho che si procura lo spazio per il tiro e non lascia scampo a Consigli. Al 20° si rivede l'Atalanta con Bonaventura che s'incunea in area e prova a servire al centro un compagno senza fortuna. Pjanic al 32′ pt porta in vantaggio la Roma con uno splendido calcio di punizione. Al 43° Livaja pareggia i conti: il centravanti si libera con la forza di Torosidis e batte Stekelenburg da pochi passi. Al 7° della ripresa Denis dal limite tenta il tiro a giro, ma il pallone è preda del portiere avversario. 28′ st Torosidis riporta in vantaggio la Roma con un gran colpo di testa. Atalanta in 10 in seguito all'espulsione per doppio giallo di Contini all'89°.

Parma-Catania 1-2 (5′ pt Lodi, 43′ pt Keko, 42′ st Amauri) – Al 5′ passa in vantaggio la formazione ospite con una velenosa punizione dal limite destro dell'area che beffa Mirante. Brutte notizie per il Parma che al 25° perde Belfodil per infortunio, al suo posto entra Palladino. Al 30° clamorosa occasione fallita da Bergessio che spara alto un rigore in movimento. Al 43′ Keko raddoppia per i rossoblu sfruttando una ribattuta di Mirante. In avvio di ripresa gran colpo di testa di Amauri che sfiora l'incrocio. Al 25° del secondo tempo Biabiany a porta spalancata ha fallito la rete centrando in pieno la traversa con un colpo di testa. Al 42° Amauri accorcia le distanze e subito dopo Legrottaglie del Catania viene espulso per proteste reiterate nei confronti dell'arbitro.

Cagliari-Torino 4-3 (36′ Sau, 2′ st Cerci, 8′ st Stevanovic 25′, 49 st Conti, 40′ st Pinilla) – Poche emozioni in terra sarda. Conti con un brutto fallo su Barreto guadagna il giallo. Al 12′ ci prova Cossu che sfiora il paloalla destra di Gillet. Al 36′ calcio di rigore per il Cagliari: ingenuo fallo di Ogbonna su Sau e il folletto sardo non sbaglia dal dischetto. In avvio di ripresa il Torino trova il pareggio con Cerci che scarica in rete un gran rasoterra che non lascia scampo ad Agazzi. All'8° della ripresa i granata completano la rimonta con Stevanovic che con un piattone batte Agazzi e porta in vantaggio i suoi. Al 25° Conti pareggia i conti con un bel colpo di testa: tutto solo il capitano batte Gillet. Al 40′ st espulso Ogbonna che mette giù Pinilla in area che non sbaglia dal dischetto portando in vantaggio i sardi. Fuori anche Diop: Torino in 9 dopo una gomitata del giocatore africano. Incredibile ma vero: in 9 Bianchi trova il gol del pareggio su calcio di rigore. Conti gol! Ancora un colpo di scena a Cagliari con il capitano che regala i 3 punti ai suoi con un tiro dal limite deviato da Glik!

Al termine dei primi tempi la Juventus è in vantaggio grazie a Lichtsteiner che ha confermato il buon momento di forma dei bianconeri. Pareggio pirotecnico sotto una nevicata fortissima tra Atalanta e Roma per 2 a 2 con la doppietta di Livaja che ha pareggiato le reti di Marquinho e Pjanic. Super Catania a Parma: rossoblu in vantaggio di 2 reti grazie a Lodi e Keko. Cagliari in vantaggio sul Torino grazie ad una rete su rigore di Sau.

Dopo il rinvio di Bologna-Fiorentina,  il pareggio a reti bianche tra Palermo e Genoa e la vittoria della Samp sul Chievo, è tutto pronto per il pomeriggio domenicale del 26° turno di Serie A. In attesa del super derby tra Inter e Milan e dei posticipi del lunedì tra Udinese e Napoli e Lazio e Pescara, la Juventus ospiterà il Siena. Gli uomini di Conte potrebbero sfruttare l’occasione casalinga per allungare sulle inseguitrici. La Roma di Andreazzoli sarà impegnata sul difficile campo dell’Atalanta. Interessanti le sfide tra le rivelazioni Parma e Catania, e tra Cagliari e Torino protagoniste di un buon momento di forma.