Segui i soldi e troverai la strada. Follow the money, portano fino a Londra, zona Stamford Bridge. Laddove Gonzalo Higuain è pronto a trasferirsi perché in Italia considera la propria esperienza finita, perché ad accoglierlo a ritmo di Blues c'è Maurizio Sarri, il tecnico che più di tutti ha saputo trarre il meglio dal Pipita fino a trasformarlo in un bomber da record. Il Pipita ha già detto sì ma affinché gennaio si riveli il mese decisivo per formalizzare l'arrivo in Premier serve che s'incastrino tutti i pezzi del domino.

Quali sono? Le garanzie economiche che la Juventus chiede, quelle tecniche che auspica il Milan (chi prenderebbe il posto dell'ex Real?), la determinazione da parte degli inglesi che hanno in Marina Granovskaia la plenipotenziaria in fatto di investimenti e mercato.

  • Higuain può davvero riabbracciare Sarri al Chelsea? Ecco come. La macchina diplomatica s'è già messa in moto, a due settimane dalla chiusura ufficiale delle trattative di calciomercato tutto è possibile. Il Corriere dello Sport cita un retroscena interessante: da un lato l'agente del Pipita (il fratelli, Nicolas) s'è messo i contatto con il Chelsea; dall'altro il Chelsea ha spedito in Italia il procuratore Ramadani per discutere con il direttore sportivo della Juventus, Paratici, di un aspetto importante dell'operazione: i termini economici.
  • La formula. Gli inglesi vorrebbero rilevare in prestito Higuain e poi discutere a giugno di formula e cifre ma da Torino – in virtù dei 18 milioni versati già dal Milan per il prestito con diritto di riscatto fissato a 36 milioni – pretendono garanzie finanziarie immediate e non posticipate a giugno. Per la serie: dare soldi, vedere cammello… Una soluzione auspicata dai bianconeri che, in caso di mancata opzione esercitata dal Milan, si ritroverebbero a fine stagione con la necessità di ricollocare un calciatore over 30 e con un ingaggio pesante.
  • E la posizione del Milan? Da un lato il Milan prova a recuperare qualcosa dell'investimento di 18 milioni di euro fatto in estate, dall'altro non può restare scoperto in attacco in questa fase così delicata della stagione e con l'obiettivo di centrare almeno il quarto posto per la Champions. Dopo essere uscito dall'Europa League, una sconfitta in Coppa Italia (con relativa eliminazione) e altro terreno perso in campionato (Genoa e Napoli all'orizzonte) i rossoneri non possono permettersi altri passi falsi e per questo si aspettano – come confermato da Gattuso in conferenza stampa – il miglior Pipita dopo la strigliata di Leonardo.

Chi può arrivare in rossonero al posto di Higuain. Un altro 9 che piace c'è, si tratta di Alvaro Morata: senza l'arrivo di Higuain il Chelsea non lo lascerà partire nonostante le richieste del Siviglia abbiano persuaso il calciatore. Ma se Milan, Juventus e Chelsea troveranno la quadra non è da escludere che l'ex Real possa fare il percorso a ritroso, questa volta indossando la maglia rossonera. Giorni caldi di mercato sull'asse Milano, Torino, Londra.