Altro che Griezmann, Pogba e soprattutto Mbappé. La Francia per la finale dei Mondiali 2018 contro la Croazia farà affidamento soprattutto su Raphael Varane. Il motivo non è legato esclusivamente alle doti tecniche, comunque notevoli, del difensore, ma ad un fattore scaramantico. I numeri del calciatore classe 1993 parlano chiaro: nella sua giovane carriera Varane ha giocato 10 finali, vincendole tutte. Ovviamente si parla di ultimi atti disputati con la casacca del Real, ma a conferma delle sue doti da amuleto c'è anche il precedente della finale di Euro 2016 persa dalla Francia con il Portogallo in cui lui non ha giocato.

Finale Mondiali 2018, perché Varane è l'amuleto della Francia contro la Croazia

Nonostante i 25 anni, Varane è già uno dei calciatori più vincenti al mondo. Tanti i titoli vinti per un difensore che è il vero amuleto della Francia per la finale dei Mondiali 2018 contro la Croazia. 10 finali disputate in carriera con la maglia del Real Madrid e 10 vittorie per il fortissimo centrale. Una tradizione, iniziata nel 2014 con la vittoria della prima Champions contro l’Atletico, e poi con la Coppa del Rey contro il Barça e il Mondiale con il San Lorenzo. Poi sono arrivate altri due Mondiali per Club, altre due Champions League, due Supercoppe Europee, e una Supercoppa di Spagna. 

Il precedente a Euro 2016 che conferma il talismano Varane

E il perché dell'importanza a livello scaramantico di poter contare su Varane in campo è confermata anche da quanto accaduto a Euro 2016. La Francia arrivata in finale da favorita è stata sconfitta a sorpresa dal Portogallo, che nonostante la perdita di CR7 per infortunio dopo pochi minuti di gioco, si è imposta grazie ad una rete di Eder. E in quell'occasione Varane non era in campo per un problema fisico: un fattore che conferma le sue doti da amuleto. 

Verso la finale di Russia 2018, l'ottimo Mondiale di Raphael Varane con la Francia

E oltre alle sue doti da talismano, la Francia potrà contare su un Varane rivelatosi un vero e proprio muro difensivo. Il classe 1993 ha giocato tutte e 6 le partite della squadra di Deschamps, collezionando complessivamente 540 minuti. Suo anche il gol rifilato all'Uruguay, pesantissimo per portare a casa poi la vittoria nel match valido per i quarti di finale. E contro la Croazia nella finale dei Mondiali 2018, Deschamps si affiderà ancora al gioiello del Real Madrid per motivi sia tecnici che scaramantici.