Dopo una stagione difficile al Manchester United, Paul Pogba si è caricato la Francia sulle spalle trionfando così ai Mondiali 2018. Ha vestito i panni del leader in campo e non solo il centrocampista autore del pesantissimo gol del momentaneo 3-1 nella finale vinta contro la Croazia. Peso in mezzo al campo, ma anche e soprattutto nello spogliatoio per l'ex Juve protagonista di un discorso davvero da brividi prima dell'ultimo atto di Russia 2018.

Pogba, il discorso alla squadra prima della finale dei Mondiali Francia-Croazia

A distanza di alcuni giorni dalla finale dei Mondiali vinta contro la Croazia, è spuntato sui social un video relativo al pre-partita. Registrato nello spogliatoio della Francia, mostra Pogba alle prese con il classico discorso alla squadra. Un rito che di solito spetta al capitano è che invece a quanto pare è toccato a Pogba che ha dimostrato di avere grinta e carisma da vendere. Queste le sue parole per spronare il gruppo di Deschamps: "Non voglio parlare troppo, sappiamo tutti dove siamo, sappiamo tutti quello che vogliamo, conosciamo la strada che abbiamo attraversato. Posso vederlo nei nostri cuori, nei nostri occhi: siamo concentrati. Ragazzi, non dimenticatevelo, siamo a soli 90 minuti da una storia incredibile: una partita, non so quante ne abbiamo giocate nelle nostre carriere, nelle nostre vite, ma qui cambierà tutto, cambierà la storia, ci sono due squadre e una coppa, è lo stesso per loro, lo vogliono, abbiamo perso una finale, lo sappiamo, ce l’abbiamo ancora qui".

Una Francia di guerrieri, pronta ad entrare nella storia: le parole di Pogba prima della vittoria dei Mondiali

E Pogba ha chiesto alla nazionale francese di guadagnarsi un posto nella storia, e scendere in campo come dei veri e propri guerrieri pronti a tutto: "Oggi ci guardiamo l’un l’altro e non dobbiamo permettere a nessun’altra squadra di prendere ciò che è nostro. Stasera ci dobbiamo guadagnare un posto nella memoria dei francesi, dei loro figli, dei loro nipoti. Oggi solo 90 minuti ci separano dalla storia. Quindi ora vi guardo, non voglio gridare. Andiamo in campo come guerrieri. E dopo voglio vedere le lacrime, lacrime di gioia, non lacrime di tristezza. Lacrime di gioia sul campo e tutti che ci baciamo e abbracciamo. Chiaro?".

Il discorso prima di Francia-Argentina, e le parole di Pogba su Messi

Che Pogba fosse un abile comunicatore capace d'infondere cattiveria agonistica e grinta nei suoi compagni era sembrato chiaro anche contro l'Argentina. In occasione del delicato match contro Messi e compagni, parole ancor più dure da parte del francese: "Ragazzi, voglio vedere dei guerrieri sul campo stasera. Non voglio andare a casa. Stasera io non torno a casa, dobbiamo rimanere ancora in questo hotel, continueremo a mangiare quella ca..o di pasta. Non me ne frega niente, oggi non andiamo a casa, saremo felici, voglio festeggiare. Dobbiamo morire sul campo, ma nessuno deve lasciare il suo compagno di squadra, dobbiamo essere compatti. Guerrieri, soldati, oggi li uccideremo, gli argentini. Messi o non Messi, non me ne frega niente, andiamo a prenderci questa fottuta Coppa del Mondo".