La Nazionale italiana di calcio non decolla. Mancini ha provato a ridisegnare la squadra azzurra dopo il disastro Mondiale di Ventura. Ma i risultati stentano ad arrivare. Non sta andando di certo meglio a Gigi Di Biagio, che con l’Under 21 è stato sconfitto anche dal Belgio a Udine, nonostante il ko ad oggi possa essere considerato come un risultato troppo pesante. Due selezioni azzurre dunque, che non riescono a sorridere. Meglio concentrarsi allora sulle altre squadre. Lasciando per un attimo da parte l’Under 20 che al Torneo 8 Nazioni ha perso contro l’Inghitlerra per 2-1, nonostante il buon esordio con la Polonia, è l’Under 19 adesso a stuzzicarci. Nelle qualificazioni per l'Europeo di categoria, gli azzurrini si stanno mettendo bene in mostra. Ma non solo dal punto di vista dei risultati, ma anche e soprattutto degli effettivi in campo. Giovani talenti come Tonali e Portanova, stanno lasciando agli italiani qualche speranza in più per il futuro della Nazionale maggiore. Vediamo insieme chi sono i 5 che stanno maggiormente impressionando.

Portanova, la Juventus l’ha blindato

Figlio di papà Daniele, ex difensore di Siena e Bologna, Manolo Portanova è un classe 2000 che se nella sua breve carriera ha giocato un po’ in tutti i ruoli. La duttilità è infatti la arma in più dell’esterno d’attacco bianconero. Fu prelevato dalla Lazio nell’estate del 2017, tra i tanti rimpianti del club biancoceleste. Non ha perso tempo Manolo per calarsi subito nella mentalità della ‘Vecchia Signora’ e si è sin da subito ritagliato un ruolo da protagonista nella Primavera di Alessandro Dal Canto.

In una stagione complessa per l’Under 19 bianconera, Manolo mise a segno lo scorso anno 5 reti in 35 presenze nazionali azzurre. Nel 4-3-3 offensivo della Juve, con i continui accentramenti di Moreno e Fagioli si è maggiormente esaltato.

La carriera di Portanova (Transfermarkt)
in foto: La carriera di Portanova (Transfermarkt)

Il carattere e la personalità sono la sua forza e non è un caso che il suo idolo sia Stefano Sturaro, uno che sicuramente non toglie mai la gamba nei contrasti. Per lui quest’anno già 4 gol e 1 assist in 4 partite. Il Monaco in estate ha provato a strapparlo alla Juventus, offrendo anche di più, ma ha preferito rimanere in Italia.

Il talento immenso di Raspadori

Il suo è stato il gol che ha sbloccato il match contro nell’Estonia alle Qualificazioni per l'Europeo Under 19 nel 3-0 finale. Giacomo Raspadori, talento in forza al Sassuolo, è un altro classe 2000 da tenere sotto osservazione. Il Sassuolo lo scorso anno ha portato a casa il ‘double’ nella categoria Berretti, vincendo il campionato contro il Torino e la Supercoppa ai danni della Feralpisalò.

Il profilo di Raspadori (Transfermarkt)
in foto: Il profilo di Raspadori (Transfermarkt)

Il trascinatore è stato proprio Raspadori, di ruolo attaccante ma che può giocare sia da punta centrale che da esterno offensivo. Dopo i nove gol segnati in Primavera, è stato decisivo in Berretti fino alla Supercoppa, con una doppietta contro la Feralpisalò. Quest’anno per lui 4 partite e già 5 gol in Primavera per una media gol pari a 1 gol ogni 70’. Giocatore davvero da tenere sotto osservazione e che già Iachini, quando sedeva sulla panchina dei neroverdi, ne aveva spesso apprezzato le immense qualità.

“Chi vuole, il modo lo trova sempre”💙 #U19

A post shared by Giacomo Raspadori (@giacomo.raspadori) on

Gattuso lo tiene sempre in considerazione: ecco Bellanova

E’ senza giri di parole il preferito di Gattuso. Raoul Bellanova è uno dei nuovi talenti del Milan, che potrebbe presto “spiccare il volo” nel calcio professionistico. L’avvento del tecnico calabrese in prima squadra ha permesso ai tanti talenti del vivaio rossonero di farsi largo tra i professionisti. Bellanova oltre ad essere il punto di forza della formazione Primavera è anche un punto fermo proprio della Nazionale Under 19. Nato a Rho, Raoul è stato preso dal Milan nel 2006.

Il percorso in Nazionale di Bellanova (Transfermarkt)
in foto: Il percorso in Nazionale di Bellanova (Transfermarkt)

Nel settore giovanile del ‘Diavolo’, Bellanova ha giocato spesso sotto età, venendo convocato conseguentemente in tutte le selezioni giovanili italiane, dall’Under 15 fino all’Under 19. La scorsa stagione il tecnico Gattuso lo ha portato in prima squadra, facendolo allenare spesso con i più grandi. Il Verona, ma soprattutto l’Atalanta e altri stranieri come Chelsea e Liverpool, sono da tempo sulle tracce del talentino lombardo, ma il Milan l’ha blindato.

Bellanova è un terzino destro che abbina ad un’ottima fase difensiva una buona fase offensiva, risultando un giocatore molto prezioso tatticamente. Prestante atleticamente, veloce e difficile da superare, anche per lui è il carattere che lo distingue. E forse per questo è il preferito di ‘Ringhio’.

Petrelli è l’ennesimo talento bianconero

Dalle parti della Continassa lo chiamano il ‘Ronaldo della Primavera’. Niente a che vedere ancora con i gol e la carriera del fenomeno portoghese, certo. Ma è il gioiello che la Juventus ora vuole blindare. Lui è Elia Petrelli. Un gigante in grado di segnare sempre con una continuità disarmante. Punta purissima, Petrelli può contare su un’altezza di ben 188 centimetri per 84 chilogrammi, e tecnica quasi inconcepibile (con ambo i piedi) per un giocatore della sua statura.

La giù lunga carriera di Petrelli dalla Savignanese al Cesena fino alla Juventus (Transfermarkt)
in foto: La giù lunga carriera di Petrelli dalla Savignanese al Cesena fino alla Juventus (Transfermarkt)

Classe 2001, è un prodotto del settore giovanile del Cesena, ed ora è già dominante e decisivo con la Juventus. Ben 40 presenze in campionato con la Juventus Under 17 e la bellezza di 36 gol all’attivo. Segnati un po’ in tutti modi: rigori, punizioni, tap-in, tiri da fuori, colpi di testa. Tradotto, significa la media di 0,9 centri a partita. Numeri davvero impressionanti per lui che quest’anno di gol ne ha già realizzati 3 in 4 partite più 2 assist.

💭🇮🇹 Estonia-Italia 0-3 Testa alla Finlandia

A post shared by Elia Petrelli (@eliapetrelli9) on

Dopo la sua prima rete in azzurro, nella vittoria della Nazionale Under 18 per 2-0 in Serbia, anche  Zironelli, complice l’infortunio di Olivieri, ha deciso di chiamarlo per l’esordio in Serie C della Juve U23 contro l’Alessandria.

Tonali, il ‘nuovo Pirlo’ che già fa impazzire tutti

L’abbiamo ammirato nell’ultimo Europeo Under 19 quando l’Italia fu sconfitta solo in finale contro il Portogallo al termine di un match favoloso. Il ‘nuovo Pirlo’ sia per aspetto estetico che per movenze e gioco in campo, è già pronto a spiccare il volo. A soli 18 anni, classe 2000, Sandro Tonali ha già più esperienza dei suoi colleghi pari età. Cresciuto nel settore giovanile del Brescia, Tonali ha cominciato a calcare i terreni di gioco di Serie B dalla scorsa stagione.

Buon inizio🇮🇹 Estonia 0-3 ITALIA

A post shared by Sandro Tonali (@sandrotonali) on

Con le ‘Rondinelle’ infatti ha totalizzato 19 presenze e anche 2 gol e 2 assist giocando ben 1557’ nel 2017/2018. Numeri da paura che l’hanno portato alla conferma immediata quest’anno, prima con Suazo e ora con Corini in panchina dove il centrocampista di Lodi, ha già giocato 7 presenze realizzando anche 3 assist.

A soli 18 anni Tonali vale già 7 milioni di euro (Transferamarkt)
in foto: A soli 18 anni Tonali vale già 7 milioni di euro (Transferamarkt)

Numeri davvero incredibili per questo giocatore il cui valore di mercato ora è già arrivato a toccare i 7 milioni di euro. In Italia Juventus, Inter, Roma e Milan sono sulle sue tracce, mentre in Europa è forte il pressing di Arsenal, Everton, Manchester City, Atletico Madrid e Borussia Dortmund.