Con le finali di Champions ed Europa League, la stagione 2018/19 va ufficialmente in archivio. Ora, spazio alle rassegne internazionali, come l’europeo Under 21 o il mondiale Under 20 in Polonia, e al mercato che, almeno in Italia, ci farà compagnia fino al 2 di settembre. Prima però, occorre fermarsi, riflettere su quanto appena accaduto per poi esaltare le prestazioni individuali, e di squadra, di alcuni protagonisti di questa splendida annata. Un’annata nobilitata da bomber letali, da numeri #10 di assoluto livello e, pure, da estremi difensori quasi imperforabili. Che, grazie ai loro pacchetti arretrati, hanno messo insieme più partite senza subire gol. Qui, dunque, al termine di tutti i primi cinque tornei d’Europa, i migliori numeri #1 del vecchio continente per clean sheet raccolti su base allargata: ovvero, analizzando ogni singolo match in stagione.

Il Brasile è in mani sicure: Ederson e Alisson al top

In vista della Copa America, di scena in Brasile dal 14 giugno al 7 luglio prossimi, la Seleçao può dormire sonni tranquilli quanto a portieri in rosa in grado praticamente di sigillare la porta dei verdeoro. Ederson e Alisson, difatti, oltre a giocarsi la titolarità nelle gerarchie del Ct Tite, si sono contesi negli ultimi mesi lo scettro di estremo difensore più impenetrabile d’Europa fino al termine di questa annata.

Non solo in Premier, dove trionferebbe l’ex Roma (21 a 20), ma anche nel resto delle gare giocate con l’ex Benfica, con quattro match in più (55 a 51), a collezionare 27 sfide senza raccogliere il pallone nel sacco agguantando una imbattibilità totale del 49%. Le stesse dell'amico/rivale in forza al Liverpool campione d'Europa. Che, però, con 360’ di gioco in meno, ha messo insieme una percentuale di imbattibilità superiore vicina al 53% (52,9%). Un merito, ovviamente, condiviso con le rispettive difese, le meno battute di Premier League (45 gol subiti in due), ma che deve essere attribuito anche a loro bravi, abili e capaci di dimostrarsi sicuri anche a fronte di conclusioni e tentativi avversari molto complicati. Ergendosi, in definitiva, come i portieri più performanti della pista. Peccato però, che a breve in patria sarà solo uno a difendere i pali del Brasile. Intanto, Liverpool e Manchester City gongolano.

La Liga al terzo e quarto posto: Oblak e Ter Stegen

Sul terzo gradino del podio, ma anche al quarto posto, la Liga risponde per le rime alla Premier League con Oblak e Ter Stegen. Che, pur con diverse partite in meno rispetto ai colleghi, (46 sfide per il rojiblanco e 49 per il catalano) sono stati comunque in grado di racimolare un bel numero di incontri senza subire gol: 24 per il Colchonero, schermato da una difesa, storicamente, impermeabile, e 23 per l’azulgrana che, però, non è riuscito a chiudere la porta nella semifinale Champions di ritorno col Liverpool, nel match più importante della stagione. Loro, insomma, ci sono, sono sul pezzo ed entrano di diritto nell'esclusivo club dei migliori numeri uno di stagione.

Come, a chiudere questa top five, Kepa che, pur con qualche difficoltà di troppo, qualche incomprensione con Sarri, la palma di portiere più pagato della storia e lo scotto dell’approdo in un nuovo campionato, ha messo a referto una Europa League e ben 22 sfide senza gol al passivo in 54 match globali.