La 4a giornata del campionato di Serie A, ha fatto registrare la fuga di Paulo Dybala in vetta alla classifica marcatori. La Joya della Juventus, protagonista di un avvio di stagione eccezionale ha allungato su Mauro Icardi, raggiunto in graduatoria da Dries Mertens autore di una bella tripletta in Napoli-Benevento e superato invece da Ciro Immobile ancora decisivo per la Lazio sul campo del Genoa.

Dybala comanda la classifica marcatori Serie A 2017-2018

Con la tripletta rifilata al Sassuolo il numero 10 della Juventus si è portato in vetta alla classifica marcatori della Serie A con 8 reti (media super di 2 gol a partita per la Joya) lasciando al palo Mauro Icardi fermo a 5 e rimasto a secco in Crotone-Inter. Lo juventino è sempre andato a segno in questo avvio di stagione, l'ultimo che c'era riuscito è stato Toni nel 2005. Giornata no per l'argentino dell'Inter che nonostante il nuovo look ossigenato non ha praticamente mai creato pericoli alla difesa calabrese.

Mertes scala la classifica con la tripletta al Benevento

Giornata invece da incorniciare per quello che Maurizio Sarri ha definito come "un animale assetato di gol". Dries Mertens ha rifilato una tripletta al malcapitato Benevento portandosi a quota 5 reti nella classifica marcatori, raggiungendo proprio al terzo posto Maurito Icardi. Il belga con 22 gol segnati è il miglior marcatore assoluto nel 2017.

Immobile primo bomber italiano

La 4a giornata si è rivelata prolifica anche per Ciro Immobile che si è confermato il centravanti italiano più forte del momento. Doppietta al Genoa per la punta della Lazio che è salito dunque al secondo posto nella classifica marcatori della Serie A, con 6 gol all'attivo. A proposito di italiani, passo in avanti anche per Quagliarella e Belotti che in Torino-Sampdoria hanno segnato rispettivamente il 4° e il 2° gol della loro stagione.

Dzeko, Kalinic e la sorpresa Pellegri

Si è portato a quota 3 gol all'attivo Edin Dzeko, capocannoniere dell'ultimo torneo, grazie alla doppietta in Roma-Verona. Primi gol con il Milan anche per Kalinic che senza il Var avrebbe calato addirittura un tris (annullato il terzo gol per un fuorigioco segnalato con l'ausilio della tecnologia). La sorpresa della 4a giornata è sicuramente il classe 2001 Pellegri: il giovane fenomeno del Genoa, dopo il gol alla Roma nel finale dello scorso campionato, ha rifilato una doppietta alla Lazio, diventando il calciatore più giovane della storia della Serie A a segnare due reti nella stessa partita.