In casa del Rayo contava solo la vittoria per l'Atletico Madrid, che pur non brillando è riuscito ad imporsi di misura. Dopo due sconfitte consecutive e con la testa alla sfida valida per il primo round degli ottavi di Champions League contro la Juventus, gli uomini di Simeone sono riusciti a portare a casa i 3 punti grazie al gol ad una rete del solito Griezmann. Oltre al risultato, a far sorridere il Cholo fresco di rinnovo è stato il ritorno in campo di Diego Costa due mesi e mezzo dopo l'infortunio.

Atletico Madrid, prestazione incolore contro il Rayo. Decisivo un gol rocambolesco di Griezmann

Dopo due sconfitte consecutive in campionato contro Betis e Real, l'Atletico Madrid ritrova la vittoria sul campo del Rayo Vallecano. Non un avversario difficile per la squadra di Diego Simeone che ha confermato di vivere un momento tutt'altro che brillante. Manovra lenta, con poco ritmo, match deciso solo ad un quarto d'ora dal termine grazie alla rete del solito Griezmann, protagonista insieme al compagno di reparto Morata di una prova incolore. Un gol rocambolesco e quasi casuale, comunque dal peso specifico notevole.

Brutta prova per l'Atletico, distratto dal pensiero della Juventus

Probabilmente sulla prestazione dei Colchoneros, in campo con molti dei titolari, ha influito il pensiero del match in programma mercoledì 20 febbraio al Wanda Metropolitano, quando arriverà la Juventus per l'andata degli ottavi di finale di Champions. Alla fine però conta solo il risultato che rappresenta comunque un'iniezione di fiducia, in quanto arrivato con il minimo sforzo. Contro i bianconeri però bisognerà necessariamente aumentare pressing e ritmo, oltre a mettere in campo la proverbiale "garra" marchio di fabbrica di Diego Simeone. La buona notizia di giornata per il tecnico, oltre alla vittoria è rappresentata dal rientro in campo positivo di Diego Costa. L'attaccante spagnolo ha giocato la mezz'ora finale di partita, ritrovando così il terreno di gioco dopo due mesi e mezzo di assenza. L'allenatore dell'Atletico Madrid a tal proposito potrebbe decidere di affidarsi su di lui dal 1′ contro la Juventus, in coppia con il grande ex Morata, con Griezmann magari in una posizione più arretrata rispetto alla porta.