Se vai a genio a Cristiano Ronaldo allora sei a metà dell'opera. E' più o meno questo il tenore delle informazioni raccolte dalla rivista spagnola ‘Don Balon' che ha preso spunto dalle voci di possibile cessione relative a Dani Ceballos (prelevato dal Betis Siviglia nell'estate scorsa) e fatto le pulci allo spogliatoio del Real Madrid. In particolare, al ‘potere del pollice' manifestato dal campione portoghese. Un po' come gli imperatori romani ai tempi del Colosseo e degli spettacoli nel Circo: vita oppure morte per il gladiatore che combatte nell'arena, giochi oppure fai panchina per il calciatore che indossa la maglia delle ‘merengues'.

lista nera ronaldo

Ventuno anni, centrale di centrocampo (ruolo che alterna alla posizione di trequartista) che tra le fila dei blancos trova poco spazio, il destino di Ceballos sembra segnato: finire in prestito, magari al Milan (secondo le ultime notizie di mercato emerse in queste ore) nonostante qualche buona prestazione e più ancora la doppietta – decisiva per la vittoria – realizzata lo scorso 24 settembre nella tana dell'Alaves. Il club lo ha messo sotto contratto fino al 2023 e blindato con una clausola da 500 milioni di euro, una somma incredibile per un comprimario.

Già, perché Ronaldo pare che non lo veda diversamente rispetto a Modric, Casemiro e Kroos che considera davanti all'ex Betis sia per questioni tecniche sia caratteriali. Insomma, non gli piace… e non ha timore di sussurrarlo a Zidane. Il miglior realizzatore nella storia della Champions League nonché il calciatore con più reti segnate (411) in tutte le competizioni ufficiali con la maglia del Real Madrid può anche permettersi ingerenze del genere… Sicché per Ceballos è davvero difficile ritagliarsi un ruolo di primo piano quando ti ritrovi schiacciato da una concorrenza del genere, compresi rivali del calibro di Isco, Asensio o Kovacic nella zona nevralgica del campo.

Nella cosiddetta lista nera di CR7, però, figurano altri nomi, alcuni eccellenti quali Zlatan Ibrahimovic, Paul Pogba, Arturo Vidal e Robert Lewandowski. Tutti calciatori che la stella portoghese non avrebbe gradito avere in squadra per questioni anzitutto caratteriali, di personalità e feeling (anche tattico) che difficilmente sarebbe decollato.