Hanno aspettato in silenzio dopo la dedica ai tifosi del Napoli della vittoria dell'Europa League da parte del loro beniamino, aspettando forse che il tutto si risolvesse in un nulla di fatto. Alla fine però hanno dovuto prendere atto della "dura" realtà: Maurizio Sarri è ufficialmente il nuovo allenatore della Juventus, una situazione che inevitabilmente ha spinto gli amministratori della celebre pagina Facebook "Sarrismo, gioia e rivoluzione" a chiudere. Quello che è stato molto più di un fenomeno social (basti pensare che il Sarrismo è entrato all'interno della Treccani) non ha più senso di esistere per il "comitato centrale" della pagina che ha preso atto amaramente della scelta del "Comandante" Sarri  reo di aver "tradito se stesso".

https://www.facebook.com/sarrismo/
in foto: https://www.facebook.com/sarrismo/

Sarrismo, gioia e rivoluzione, molto più di una pagina Facebook

Molto più di una pagina social. La fan page "Sarrismo, gioia e rivoluzione" ha conquistato i tifosi del Napoli e i fan di Maurizio Sarri con uno stile unico e inconfondibile. Post con un linguaggio rigorosamente sovietico per esaltare il lavoro di un tecnico capace di lottare "contro il Palazzo" con una vera e propria filosofia, il Sarrismo diventata addirittura un neologismo all'interno della Treccani.

L'annuncio di Sarri alla Juventus, fa rompere il silenzio di Sarrismo, gioia e rivoluzione

Dopo aver celebrato la dedica del "Comandante Sarri" ai tifosi del Napoli della vittoria dell'Europa League con il Chelsea, le voci sul possibile approdo agli acerrimi rivali della Juventus hanno spinto gli admin della pagina Facebook al silenzio. Un silenzio giustificato nella nota odierna così: "No, non siamo scappati a Panama con gli inestimabili proventi di Fino al Palazzo . E ancora no, non abbiamo contattato Massimiliano Allegri in vista del Torneo estivo al Gabbione di Livorno. E infine no, non siamo finiti in qualche gruppo di autocoscienza collettiva tipo sarristi anonimi. Ce ne siamo stati per un po’ in silenzio – ci scuserete – per evitare di parlare con i se".

Perché Sarrismo, gioia e rivoluzione chiude su Facebook dopo la scelta di Sarri di andare alla Juventus, il comunicato

Quando i "se", sono diventati certezze e Maurizio Sarri è stato ufficializzato come nuovo allenatore della Juventus, è arrivata la decisione drastica da parte di "Sarrismo, gioia e rivoluzione". Gli amministratori della brillante pagina hanno deciso di chiudere: "Questo è il comunicato finale del Comitato Centrale, che da questo momento deve considerarsi sciolto. Sarrismo – Gioia e Rivoluzione si ferma alla stazione di Baku, al primo trofeo conquistato da Maurizio Sarri, che da oggi in poi proseguirà da solo". Queste le motivazioni: "L'allenatore ha avuto la meglio sull'uomo, ha ucciso il Comandante. Resta il dubbio, certo, che Sarri fosse un personaggio anti-sistema perché il sistema non lo accettava, non perché lui non accettava il sistema. Appena ne ha avuta l'occasione, non solo lo ha accettato: ci è convolato a nozze. Ha scoppiato il mito con uno spillo, anzi con una sigaretta accesa: forse il mito era diventato più grande di lui, troppo ingombrante, troppo lontano dal campo".