Un pareggio per continuare a sperare. Tra Napoli e Paris Saint Germain nessuno è riuscito ad approfittare del capitombolo slavo del Liverpool, punito a Belgrado 2-0 da una sorprendente Stella Rossa. Gran bagarre nel girone con Napoli e reds a 6 punti, Psg a 5 e Stella Rossa a 4. Da ora in poi, chi sbaglierà è perduto. L'1-1 del San Paolo è arrivato col brivido: ospiti in vantaggio a fine primo tempo e pareggio su rigore di Insigne nella ripresa.

Nel mezzo una partita particolare, che valeva tantissimo per entrambe le formazioni che, in caso di sconfitta si sarebbero ritrovate con un piede fuori dagli ottavi. Nessuna supremazia e ordinaria amministrazione dei portieri, Ospina da un lato e Buffon dall'altro. Proprio l'ex Juventus rientrava ufficialmente in Champions League con la maglia del Paris Saint Germain, dopo i turni di squalifica rimediati la scorsa stagione con la Juventus nella concitata semifinale vissuta contro il Real Madrid di Cristiano Ronaldo.

Il rientro dopo la squalifica. Un rientro ‘indolore' dove Buffon ha svolto il proprio compito come sempre, parando il parabile, senza dover soffrire più di tanto, capitolando unicamente dagli undici metri laddove Insigne non ha fallito dal dischetto. Per Buffon un ritorno in Coppa positivo, con il Psg che ne è uscito indenne e si è riavvicinato alla vetta a due turni dalla conclusione della prima fase dove si giocherà il tutto per tutto con Liverpool e Stella Rossa.

Il ‘rosso' resta un torto subito. Nel dopo gara i pensieri di Buffon si sono divisi su ciò che è stato e su ciò che sta accadendo, tra il risultato del San Paolo e quel ‘rosso' che ne ha macchiato parte di carriera costringendolo ad una gogna mediatica e sportiva ingiustificata: "Quel cartellino rosso a mio avviso rimane un torto. Ho sofferto in silenzio e ho aspettato a lungo questa notte per rientrare in Coppa. Oggi quando mi hanno chiamato in causa ho cercato di essere pronto ed è andata abbastanza bene".

Punto meritato, giochi aperti. Sulla sfida del San Paolo nulla da recriminare, risultato corretto, giochi ancora aperti in vista degli ottavi: "Era una sfida delicata, ci giocavamo tanto e il pareggio è un risultato onesto:  questo campo è difficilissimo. Nella ripresa ci hanno messo più in difficoltà, si sono fatti più aggressivi ma siamo stati bravi a raccogliere un meritato punto"