Trattenuto per un altro giorno a scopo precauzionale, Pelé è stato dimesso questa mattina dall'ospedale di Parigi dove era stato ricoverato per curare un'infezione urinaria. La ‘Perla Nera' può fare ritorno in Brasile dopo l'ennesimo spavento sulle sue condizioni di salute. A riportare le parole dell'ex campione del mondo della Seleçao sono i media sudamericani che forniscono anche le ultime notizie sull'ex calciatore, oggi 78enne. Ha voluto ringraziare anzitutto i medici e il personale che gli hanno prestato assistenza oltre ai tifosi che gli hanno mostrato grande affetto con il tam tam alimentato nella Rete.

Mentre ero qui a Parigi – si legge -, ho sofferto di una grave infezione del tratto urinario che richiedeva cure mediche e chirurgiche di emergenza. Grazie all'intervento dell'equipe medica dell'American Hospital di Parigi adesso sto molto meglio e sono pronto per tornare a casa. Voglio esprimere i miei più sentiti ringraziamenti al team medico che mi ha curato, una delle eccellenza della Francia.

O Rei era stato costretto al ricovero lo scorso 2 aprile, a causa di un malore che lo aveva sorpreso nella notte. Era a Parigi per un impegno di lavoro con uno sponsor e ne aveva approfittato per incontrare uno dei talenti più in vista sulla scena calcistica internazionale: quel Kylian Mbappé che ha incoronato quale possibile, prossimo pallone d'Oro. A rendergli visita in ospedale, poco prima che lasciasse struttura, è stato Neymar, che ha pubblicato lo scatto sul proprio profilo Instagram.

L'infezione alle vie urinarie è solo l'ultimo di una serie di problemi di salute che, più volte, hanno destato preoccupazione per l'ex campione verde-oro. Dalla protesi all'anca fino ai disturbi per i calcoli renali, Pelé è stato già altre volte costretto al ricovero. La prima nel 2014 (infezione alle vie urinarie) ma è nel 2016 che i timori divennero più insistenti considerato che l'ex Perla Nera non riuscì a partecipare alla cerimonia d'apertura dei Giochi Olimpici di Rio. Un anno più tardi si presentò al sorteggio dei Mondiali di Russia 2018 su una sedia a rotelle e destò impressione quella foto che lo vedeva accanto a Maradona.