Il messaggio postato sul suo profilo Twitter qualche giorno fa, aveva fatto tirare un sospiro di sollievo a tutti i suoi tifosi sparsi in giro per il mondo. Chi si aspettava di vedere le immagini del suo ritorno a casa sarà però rimasto deluso. Edson Arantes do Nascimento, conosciuto da tutti come Pelé, è infatti ancora ricoverato all'Ospedale Americano di Parigi dove è rimasto una notte in più per precauzione.

"Non vogliamo rischiare e non abbiamo fretta, le decisioni vengono prese giorno per giorno con i medici e prenderemo le massime precauzioni prima di partire – ha spiegato il portavoce del tre volte vincitore della Coppa del Mondo con il Brasile – I medici prendono le decisioni quotidianamente e prenderemo le massime precauzioni finché non partiremo". Ulteriori aggiornamenti, in merito alle dimissioni del 78enne ex grande campione brasiliano arriveranno dunque nelle prossime ore.

I guai fisici di "O'Rey"

Arrivato a Parigi nei giorni scorsi per partecipare ad un evento commerciale e incontrare Kylian Mbappé, "O'Rey" avrebbe voluto lasciare l'ospedale parigino nella giornata di sabato. Una notizia confermata anche dai media brasiliani, che avevano inoltre scritto del ritardo dovuto ad ulteriori test medici e della necessità di tenere Pelé sotto osservazione fino alla sua completa guarigione.

L'infezione che lo ha costretto al ricovero e spaventato tutto il mondo calcistico, non è che purtroppo l'ultimo di una serie di problemi fisici dell'ex leggenda brasiliana. Un'infezione simile lo aveva infatti colpito cinque anni fa, ed anche allora Pelé era stato ricoverato addirittura in terapia intensiva. L'evento con Mbappé, al quale ha partecipato giorni fa, era stato messo in agenda nel novembre scorso ma poi cancellato e spostato proprio perché il brasiliano "non era in grado di viaggiare".