Un gol all'Italia e all'ex compagno di squadra, Gigio Donnarumma. Un gol d'interno segnato collo sinistro mentre la difesa ‘milanista' Caldara/Romagnoli stava a guardare André Silva che batteva a rete su cross del tenace Bruma, il ‘7 sbagliato' che aveva addosso la maglia di Cristiano Ronaldo. Per l'attaccante portoghese la rete siglata al Da Luz nella gara di Nations League è stato un po' come dare un taglio netto al passato. Nessun rimpianto, nessun dolore solo tanta voglia di riscatto e mostrare a chi lo ha scaricato troppo in fretta che lui non è un bidone da 38 milioni di euro, che quella cifra pagata due anni fa dal ‘diavolo' è stata un ottimo investimento, che avrebbe meritato maggiore fiducia invece di essere sacrificato con tanta leggerezza rispetto al baby Patrick Cutrone e al ‘pipita' Gonzalo Higuain, che lui (a differenza di Nikola Kalinic, altro messo in lista di sbarco) sa fare bene il mestiere di bomber. Che, se proprio mi lasci, allora ti cancello alla mia maniera: ti faccio gol, ti lascio un sacco di rimpianti.

Nel Portogallo senza CR7 è André Silva a occupare la scena, piazzandosi la zampata vincente alla prima, buona occasione capitata. Da Milano assistono in silenzio, a Siviglia gongolano e sfregano le mani per il momento di grazia che quel fusto di 22 anni (alto 185 cm) sta attraversando. Gol in nazionale, gol anche con la maglia degli andalusi che lo hanno in prestito dai rossoneri ad agosto scorso, al termine della tournée americana conclusa dalla punta lusitana con una rete al Barcellona nella gara di International Champions Cup.

La scheda di rendimento di André Silva, in prestito dal Milan al Siviglia (fonte whoscored.com)
in foto: La scheda di rendimento di André Silva, in prestito dal Milan al Siviglia (fonte whoscored.com)

Quante reti ha marcato nella Liga? Tre in altrettante giornate, 3 in una sola gara (contro il Rayo Vallecano), più di quante ne avesse fatte in 24 presenze in Serie A con la maglia del Milan (2). Andò un po' meglio in Europa League (8 centri) ma la stagione di San Siro non è di quelle da ricordare. Quando indossa la maglia del Portogallo, invece, è tutta un'altra storia per l'ex ‘dragone' di Oporto: 13 reti in 28 presenze, nonostante abbia accanto a sé la presenza ingombrante di Cristiano Ronaldo.