Il calciomercato del Napoli, a poco meno di cinque giorni dal ritiro di Dimaro, si infiamma e si arricchisce di rilanci e di innesti. Dopo l’arrivo di Di Lorenzo e il quasi certo riscatto di Ospina, infatti, gli azzurri (o meglio, la Roma) annunciano anche il difensore Kostas Manolas dalla Roma e l’addio del centrocampista Diawara chiamato, nell’occasione, a fare il percorso inverso rispetto al centrale greco. I campani però sono pronti pure a intavolare nuove trattative per accontentare le richieste di mister Carlo Ancelotti. Che, per il prossimo anno, il suo primo vero anno, intende disporre di una rosa all’altezza delle sue ambizioni. E così, dal punto sulle cessioni passando per l’attuale stato dell’arte in termini di arrivi, ecco le ultimissime notizie e trattative in tempo reale sul mercato napoletano.

Trattative calde: Manolas è azzurro. Sotto con James, si tenta la carta Veretout

Affare concluso: Manolas al Napoli per 36 milioni di euro (34 alla Roma e 2 al calciatore) ed il cartellino del centrocampista centrale Diawara. Il gentlemen agreement è cosa fatta, le strette di mani ci sono come pure gli annunci ufficiali malgrado una weekend a Montecarlo fra giocatore, GiuntoliRaiola difficile, con rilanci, clausole e richieste dell'ultim'ora che avevano fatto tardare l'ok definitivo. Che però è arrivato in serata con i capitolini, dopo il 30 di giugno, pronti a versare a loro volta 18 milioni di euro più 2 di bonus per il mediano guineano per un conto totale, sponda campana, di 20 milioni. Insomma, lato Giuntoli il capolavoro è servito con l'ex Ds del Carpi che riesce ad aggiungere un tassello così importante con un esborso economico e di risorse umane decisamente accettabile.

Ora, archiviata o quasi la pratica Manolas, con l'agente Raiola che prova ad alzare l'ingaggio del suo assistito, e con Jorge Mendes molto più libero di potersi dedicare all'affare James, dopo aver ormai piazzato il suo assistito Joao Felix all'Atletico Madrid per 126 milioni di euro, è tempo di chiudere col colombiano per il quale, nonostante qualche azione di disturbo negli ultimi giorni, proprio da parte dei Colchoneros, non dovrebbero esserci problemi. Con la conclusione della Copa America dei Cafeteros, sconfitti ai rigori tre giorni fa dal Cile, difatti, la situazione dovrebbe sbloccarsi definitivamente con Ancelotti finalmente, nel giro di due/tre settimane, pronto a riaccogliere fra le sue braccia il Diez classe ‘91.

E se per Lozano al momento non ci sono novità sostanziali, lo stesso segmento temporale pare aver riacceso le speranze napoletane di prelevare Veretout dalla Fiorentina. Come? Inserendo nella trattativa il cartellino di Inglese per uno scambio alla pari con i viola che, non dovessero accontentarsi dell’ex bomber del Parma, potrebbero ricevere anche il croato Marko Rog. Che, nel frattempo, piace a Cagliari e Parma. In calo, le quotazioni, sempre sulla mediana, di Almendra ed Elmas. In stand-by, quelle per l’atalantino Zapata.

In uscita: Toro su Verdi, Albiol al Villarreal

Una delle sensazioni più nette che questo avvio di mercato azzurro lascia agli addetti ai lavori è che il Napoli cederà, alle sue cifre ed alle sue condizioni, solo quegli elementi che, negli ultimi uno/due anni, non hanno convinto appieno. Tenendo quindi fuori dalle contrattazioni, salvo offerte irrinunciabili, i big della rosa. Per intenderci, i vari Insigne, Allan e Koulibaly. Per gli altri, invece, porte aperte e disponibilità a trattare. Come nel caso di Raul Albiol, ormai vicino al rientro in Spagna, col Villarreal che ha già pagato la clausola da 4 milioni di euro, o di Sepe, passato in settimana definitivamente al Parma. Poi, tanti abboccamenti, consultazioni e trattative per profili come Mario Rui, che piace a Benfica e Torino, Rog e Ounas, con Cagliari e ancora il Parma sulle loro tracce, ma anche Verdi che stuzzica l’interesse della Sampdoria con il neo allenatore Di Francesco deciso a portarlo a Genova e a tenergli in serbo la titolarità nel suo ampio e vaporoso 4-3-3.

Occhio pure al Torino che ha fissato un appuntamento in settimana per lui. Poi, Juventus e Atletico Madrid in pressing su Hysaj, con l’albanese che però, nonostante il vantaggio accumulato in queste settimane dai rojiblancos, preferirebbe Torino, il bianconero e il maestro dei tempi dell’Empoli Maurizio Sarri. In uscita, pure l'attaccante Vinicius Junior, in prestito nell'ultima parte di stagione al Monaco col Wolverhampton pronto a versare 20 milioni nelle casse napoletane. Per una plusvalenza da 15 milioni per un Carneade diventato grande, anche se lontano da Napoli e dal ‘San Paolo'.

Fabian Ruiz non si tocca, pronto il rinnovo fino al 2024

Infine, sembra essersi scatenata l’asta per il talento della mediana Fabian Ruiz che, vincendo l’Europeo Under 21 con una rete decisiva in finale con la Germania, si è messo ancora più in luce nei confronti del grande pubblico (miglior giocatore del torneo) insieme all’asso del Real Madrid, peraltro già seguito dal Napoli e ora dal Milan, Dani Ceballos. Tanto da accelerare le pratiche partenopee per il suo rinnovo, con adeguamento contrattuale, per un nuovo accordo che non prevede alcuna clausola rescissoria e che scadrà nel 2024, un solo anno dopo l’arrivo all’ombra del Vesuvio.

Cosa serve: un fluidificante di sinistra, un centrocampista e un vice-Milik

I ruoli scoperti restano sempre gli stessi: un terzino sinistro, un centrocampista ed un altro attaccante. Tre profili determinanti e che via via arriveranno nel corso di questo lungo, lunghissimo calciomercato. Un esterno basso a sinistra per sopperire al possibile addio di Mario Rui, un mediano in aggiunta ai centrocampisti già presenti, necessario soprattutto dopo l’addio di Diawara per la Roma e il tecnico Paulo Fonseca, ed una punta centrale (Zapata?) da aggiungere a Milik per generare un po’ di sana rivalità ma anche per alternare i due alfieri d’attacco nella prossima stagione a tinte azzurre.