Vincere contro la Stella Rossa e sperare che da Parigi arrivino buone notizie. Quali? Che il Psg perda o pareggi in casa contro il Liverpool. E' così che il Napoli può festeggiare al San Paolo la matematica certezza di qualificarsi per gli ottavi di finale di Champions League con un turno di anticipo. Un risultato di grande soddisfazione, alla luce soprattutto delle forti perplessità determinate dal sorteggio, ma al tempo stesso un tesoretto prezioso per le casse del club che potrebbe registrare introiti compresi tra 53.7 milioni e 56.4 milioni. Un dato che – come rilevato dalla Gazzetta dello Sport – può oscillare ancora a causa della variazione del market pool.

Quanto ha incassato finora il Napoli nella fase a gironi di Champions

Dopo quattro giornate della fase a gironi a quanto ammonta il tesoretto messo da parte dal Napoli? Per adesso sono 41.5 milioni di euro, una cifra alla quale si arriva sommando alla quota del market pool (7.5 milioni) altre voci quali il ranking storico degli ultimi 10 anni anni (13.3 milioni di euro), il premio di partecipazione alla fase a gironi (15.3 milioni di euro), infine i 5.4 milioni che sono il frutto di 3 pareggi (900 mila euro a parreggio) e dell'unica vittoria (2.7 milioni) raccolta in 4 partite.

Quanto può incassare con la qualificazione agli ottavi di finale

Il montepremi già finito nelle casse dei partenopei può essere incrementato ulteriormente già a partire da mercoledì sera. In caso di qualificazione aritmetica agli ottavi di finale (è necessario vincere contro la Stella Rossa) il Napoli riceverebbe il bonus di 2.7 milioni per i 3 punti al quale andrebbe aggiunto anche quello di 9.5 per l'accesso alla fase a eliminazione diretta. Dunque, se tutto va come deve la somma percepita dagli azzurri sarà di circa 53.7 milioni. Non è finita perché all'ultima giornata, in caso di vittoria anche ad Anfield, il budget può toccare quota 56.4 milioni circa oppure restare di poco inferiore (54.6 milioni in caso di pareggio).