Sono solo quattro i punti che separano l'Inter dal Milan. Quattro come le settimane che mancano al derby di ritorno: partita che dirà molto sul futuro europeo della due milanesi. Il sogno della squadra di Gattuso, reduce dalla brillante affermazione di Bergamo, è sotto sotto quello di agganciare e magari superare proprio i cugini. Un desiderio avvalorato dalle prossime tre partite che precederanno la stracittadina milanese.

Il calendario delle prossime tre favorisce leggermente il Diavolo, che avrà due impegni in casa e uno in trasferta. Nel prossimo weekend, mentre i rossoneri avranno l'Empoli in casa, l'Inter andrà invece a Firenze per una sfida che potrebbe nascondere diverse insidie per gli uomini di Spalletti. Nelle successive gare, il Milan avrà Sassuolo a San Siro e Chievo in trasferta, mentre i nerazzurri dovranno far visita al Cagliari e affrontare la Spal a Milano.

Un derby decisivo

Un percorso che poi includerà anche gli impegni di Coppa Italia per il Milan e quello di Europa League per l'Inter: partite che potrebbero portare via energie preziose ad entrambe le squadre. Il derby diventa dunque lo spartiacque per Spalletti e Gattuso: quest'ultimo beffato al 92esimo nella gara d'andata dal gol di Mauro Icardi, uno dei possibili protagonisti della stracittadina del prossimo 17 marzo.

Se i tifosi cominciano già ad entrare in clima derby, i due allenatori sono però ancora ben lontani dal concentrarsi sulla sfida della Scala del Calcio. L'importante sarà non lasciare punti per strada, come capitò al Milan un girone fa quando, prima di perdere il derby, si fece fermare sul pareggio da Cagliari, Atalanta ed Empoli. Quello fu il punto più basso della gestione Gattuso, che rischiò seriamente di concedere anzitempo la sua avventura sulla panchina milanista.