"Icardi ci piace, ne riparliamo a giugno". Sono bastate poche parole, in questo caso del responsabile dell'area tecnica della Juventus Fabio Paratici, per alimentare le prime polemiche di mercato e dare un senso ad una stagione che si sta ormai avviando verso l'ennesimo trionfo bianconero. Una frase che non è piaciuta all'ex collega Marotta, ma che ha finito per diventare un assist per il popolo juventino: ingolosito dall'idea di scippare l'argentino agli odiati rivali.

Ma davvero Mauro Icardi può entrare in una clamorosa trattativa tra l'Inter e la Juventus? In attesa di risposte concrete e al netto di like ed eventuali commenti social di Wanda Nara sulla "grandeur" della vecchia signora, il possibile grande intrigo di mercato della prossima estate è già entrato nell'immaginario del tifoso comune.

Un affare di mercato possibile

Ad alimentare questa trattativa, per il momento solo virtuale, ci hanno pensato i venditori ambulanti a margine della sfida giocata allo Stadium tra la squadra di Allegri e l'Udinese. Sulle bancarelle posizionate vicino allo stadio torinese, e in bella mostra rispetto a quelle di Cristiano Ronaldo e Paulo Dybala, è infatti già comparsa la maglia bianconera numero 9 con il nome di Icardi stampato sulla schiena: un episodio che ai supporter juventini ha subito fatto venire in mente i giorni prima dell'annuncio ufficiale di CR7.

La comparsa della maglia juventina di Maurito, ha seguito di pochi giorni il commento con il "pollice in sù" di Giorgio Chiellini alla lettera che l'ex capitano dell'Inter ha scritto e pubblicato sul suo profilo. Una testimonianza di quanto, anche dalle parti della Continassa, venga seguita con interesse la telenovela sudamericana che sta imbarazzando e penalizzando il mondo interista e che potrebbe risultare decisiva per l'apertura della clamorosa trattativa di mercato tra i due club.