Non c'è tempo di piangersi addosso dopo la sconfitta di misura in casa della Juventus. L'Inter pur protagonista di una buona prestazione è uscita dallo Stadium senza punti, con il gol di Mandzukic che ha condannato i nerazzurri al ko. I rimpianti maggiori per il tecnico della formazione milanese sono rappresentati dal palo colpito da Gagliardini e dal cambio, non rivelatosi positivo Politano-Borja Valero. Adesso però è il tempo di mettere tutto da parte, e concentrarsi sull'importante appuntamento di martedì quando in Champions bisognerà vincere contro il Psv e sperare in un mancato successo del Tottenham in casa del Barça per strappare il pass per gli ottavi.

Spalletti e le critiche per i cambi dopo Juve-Inter

L'Inter dovrà cancellare in fretta il ko in casa della Juventus. Una sconfitta che fa male, soprattutto perché i nerazzurri hanno disputato un'ottima prova, sognando anche il colpaccio. Il palo di Gagliardini, le altre occasioni collezionate rappresentano i rimpianti principali di Spalletti. Spalletti finito nell'occhio del ciclone anche per i cambi, e soprattutto per la sostituzione tra Politano e Borja Valero, che ha diminuito il peso offensivo della squadra. Nel post partita l'allenatore ha risposto così alle critiche: "Da inizio anno si dice che sbaglio le sostituzioni, ma volevo mettere un palleggiatore di maggiore qualità in mezzo al campo, Borja sa quando fare un passaggio, quando tenerla, quando accelerare. Ora non dormirò fino a sabato prossimo, le notti sono per voi".

Inter-PSV, vietato sbagliare per l'Inter

Prima di pensare a sabato però è già tempo di concentrarsi per il match che mette in palio il primo obiettivo stagionale, ovvero la qualificazione agli ottavi di Champions League. Appuntamento a martedì sera alle ore 20.45 per Inter-Psv, un confronto decisivo per il futuro europeo dei nerazzurri. Obbligatorio vincere e sperare che il Tottenham non espugni il Camp Nou per centrare così il passaggio alla fase ad eliminazione diretta.

In Inter-PSV i nerazzurri dovranno ritrovare il gol

A tal proposito l'Inter che dovrà rinunciare ancora a Nainggolan, dovrà innanzitutto risolvere i problemi offensivi mostrati contro la Juventus. Pesano e non poco gli errori di Gagliardini, il mancato cinismo di Politano, per una squadra che fa affidamento soprattutto su Mauro Icardi in zona gol. Quell'Icardi che in Juve-Inter non è riuscito a tirare in porta, e che contro il Psv dovrà ritrovare il fiuto del gol. Nessun dramma, visto che l'Inter è comunque rimasta all'asciutto dopo 10 partite con almeno un gol. Bisognerà solamente metabolizzare in fretta il ko dello Stadium per un successo europeo che restituirebbe sorriso e fiducia in attesa poi dell'altro big match contro il Napoli in programma il 26 dicembre