Il domino di mercato al quale stanno partecipando diverse società, tra cui anche Juventus e Inter, è entrato nella sua fase decisiva. Con l'intesa trovata dallo United e dal club di Suning per lo sbarco a Milano di Romelu Lukaku, nelle prossime ore qualcosa dovrebbe muoversi anche per il futuro di Paulo Dybala: ‘colpevole' di aver messo il belga su un aereo con destinazione Milano, dopo aver rifiutato la proposta del Manchester di Solskjaer.

Mandata in fumo la trattativa della Juventus, con conseguente irrigidimento della dirigenza campione d'Italia (che vuole e deve vendere l'argentino a tutti i costi), Paulo Dybala si è anche tolto il lusso di rimandare al mittente (almeno per il momento) anche l'offerta del Tottenham: giudicata dallo stesso giocatore troppo bassa. Una beffa per il club bianconero, che anche in questo caso aveva già trovato l'accordo con gli Spurs sulla base di 70 milioni di euro.

Dybala aspetta la cessione di Neymar

Con Mauro Icardi spettatore interessato, l'ex attaccante del Palermo è ora davanti a due strade. Una porta a Parigi, l'altra invece a Milano. Chiusa la porta alla Premier League inglese (che sta per concludere anche la sua campagna trasferimenti estiva), a Dybala non rimane altro che aspettare buone notizie dal Paris Saint-Germain o dall'Inter. L'eventuale trattativa francese è però legata all'addio di Neymar. Se andrà via il brasiliano, e se non dovessero arrivare altri campioni, Dybala troverebbe in effetti spazio per poter giocare nel PSG di Thomas Tuchel.

Lo scambio con Icardi

La strada che porta invece a Milano è legata a doppio filo al destino di Icardi. La Juventus, perso Lukaku, potrebbe infatti tornare sull'ex capitano dell'Inter e riproporre a Marotta lo scambio con il cartellino di Dybala. L'ultima parola spetterebbe però al club nerazzurro, che dopo il sacrificio economico per arrivare all'ormai ex bomber dello United preferirebbe forse vendere Icardi solo per far entrare nelle casse societarie del contante: denaro che avrebbero garantito sia Roma che Napoli, se soltanto Icardi non avesse puntato i piedi. Proprio come ha fatto Dybala.