Ormai sulla sponda bianconera di Torino non si parla d'altro. E' cosa fatta per l'arrivo in bianconero di Cristiano Ronaldo, una vicenda che ha infatti messo in secondo piano anche le prime foto e le prime dichiarazioni di Gigi Buffon da nuovo giocatore del Paris Saint-Germain. Dai piani alti della palazzina di corso Galileo Ferraris, sede del quartier generale della Juventus, le bocche sono rimaste cucite e nulla è trapelato fino alla fatidica foto del presidente, Agnelli, in Grecia col campione. Fino allora del lavoro costante di Marotta, Paratici e di tutta la dirigenza campione d'Italia nulla s'è saputo.

Il fenomeno di Madeira èia davvero vicino a toccare il suolo italiano. Arriverà lunedì per visite mediche e firma. CR7 è a questo punto più di un sogno, è una certezza da 31 milioni netti a stagione. Ad avvalorare la straordinaria fiducia di tutto il popolo juventino, ci sono infatti diversi dettagli importanti: tra questi anche uno di natura fiscale.

Un regime vantaggioso

In base a quanto si è appreso, con il suo arrivo in Italia e alla Juventus CR7 potrà avvalersi di una fiscalità molto più "conveniente" rispetto a quella spagnola: un "plus" notevole per il portoghese, dopo i recenti problemi ai quali è andato incontro a Madrid per i guai giudiziari che lo hanno visto patteggiare la condanna a 2 anni (con la condizionale) e una multa di 18.8 milioni. In Italia potrà infatti godere di un regime vantaggioso per quanto riguarda i redditi prodotti all'estero che, come scritto nella legge di Stabilità del 2017, vengono tassati con un'imposta fissa di 100.000 euro. La norma, infatti, permette a coloro che si trasferiscono in Italia (o che non hanno avuto la residenza fiscale nel nostro Paese in 9 degli ultimi 10 anni) di optare per il regime sostitutivo.

Cosa significa? Al di là del super ingaggio già tassato con ritenuta Irpef, il cinque volte Pallone d'oro pagherà sempre e comunque quella somma per tutto l'ammontare totale dei suoi introiti derivanti da contratti di sponsor, capital gain e proprietà immobiliari. Un "benefit" di cui potranno godere anche i suoi familiari, che avranno accesso a un regime fiscale sostitutivo e diminuito di 25.000 euro.