Dopo la sua prima intensa giornata milanese, nella quale ha dovuto sbrigare le formalità delle visite mediche e dei primi scatti fotografici, Romelu Lukaku è pronto per fare il suo ingresso alla Pinetina, conoscere i suoi nuovi compagni e stringere la mano ad Antonio Conte: colui che più di tutti lo ha voluto all'Inter. "Sono molto contento di essere qui, questo non è un club per tutti", ha fatto sapere il belga attraverso i social.

E' proprio dal profilo Instagram del club di Suning, è arrivata la conferma che tutti stavano aspettando: Romelu Lukaku giocherà con la maglia numero 9: quella di Mauro Icardi. Per l'argentino si tratta dell'ennesimo smacco e di un nuovo invito a prendere velocemente la porta. Per il nuovo arrivato è invece un'investitura importante, e un segnale inequivocabile di quanto il club e l'allenatore contino sui suoi gol per riportare in alto la società nerazzurra.

Icardi fuori dai giochi

La consegna della prestigiosa numero 9 a Romelu Lukaku, era già nell'aria da diverse ore. Come ha pubblicato il ‘Corriere dello Sport', dopo aver firmato è stato infatti lo stesso attaccante a chiedere quel numero. Una richiesta che il club interista ha voluto accontentare, dato che Mauro Icardi è ormai fuori dal progetto di Antonio Conte e in procinto di lasciare Milano per trasferirsi ad un'altra società.

Adesso arriva anche Dzeko

Portato in Italia il bomber belga e in attesa di cedere l'ex capitano, ora l'Inter prova chiudere l'altro colpo di mercato chiesto dal nuovo allenatore: Edin Dzeko. Dopo l'ultimo vertice tra l'intermediario Silvano Martina e il direttore sportivo giallorosso Gianluca Petrachi, l'affare sembra più vicino alla sua conclusione. Lo stesso Dzeko, che ha chiesto di non giocare l'amichevole col Real Madrid (in programma tra pochi giorni), è pronto a raggiungere la Pinetina. Prima di Ferragosto, molto probabilmente, Conte potrà abbracciare anche l'altro suo nuovo attaccante.