Sarà Inter-Milan, sarà grande calcio a San Siro. Sarà la sfida tra due grandi bomber del nostro campionato: Icardi e Higuain. I due argentini saranno gli indiscussi protagonisti di questa sfida che, mai come quest’anno, potrebbe davvero regalarci le emozioni di qualche anno fa, quando le due milanesi si giocavano una grossa fetta degli obiettivi stagionali nella stracittadina. Due attaccanti che stanno trascinando a suon di gol le rispettive squadre. Il nerazzurro, nonostante un avvio difficile, si sta ora confermando nelle ultime partite come terminale offensivo micidiale nella squadra di Spalletti. Il rossonero, dopo un inizio in cui ha studiato un attimo l’ambiente dopo il suo passaggio dalla Juventus in estate, ora sembra essersi preso letteralmente in mano la squadra di Gattuso a suon di gol.

Rendimenti differenti, ma simili per certi versi in diverse circostanze. I gol in Nazionale latitano da parecchio, la continuità realizzativa è una dote che nell’ultimo anno solare sta caratterizzando maggiormente Maurito. Curioso anche il raffronto dei tiri in porta dalla scorsa stagione ad oggi. Vediamo dunque nel dettaglio la sfida in numeri tra Icardi e Higuain.

I gol dalla scorsa stagione ad oggi

Difficile fare meglio di Icardi che lo scorso anno insieme a Ciro Immobile si è classificato al primo posto in classifica marcatori, al pari dell’attaccante della Lazio, regalandosi, con quel rigore all’Olimpico, la gioia di portare i nerazzurri nuovamente in Champions. Ben 29 realizzazioni lo scorso anno in 34 presenze più 1 assist per un totale di 113 gol in Serie A in 196 presenze, in 7 campionati giocati nella massima serie italiana. Le 29 reti dello scorso anno, sommate a quelli attuali con cui arriva al derby, fanno 32 (3 fino ad oggi).

Il rendimento di Icardi in Italia (Transfermarkt)
in foto: Il rendimento di Icardi in Italia (Transfermarkt)

Diverso il discorso per Higuain che lo scorso anno, vuoi anche per una rotazione totale di Allegri nel reparto d’attacco, si è fermato a quota 16 gol in 35 partite (senza considerare la Champions in cui ne ha realizzati 5 più 2 in Coppa Italia). Sommate alle marcature di quest’anno con il Milan in campionato fanno 20 tondi (4 quest’anno più 2 in Europa League). Il tutto in 6 campionati in Italia. Un dato che entrambi vogliono incrementare ma che sta vincendo Maurito in questa categoria.

Nelle coppe internazionali non c’è storia

Basti pensare che in Champions League la prima presenza di Icardi è avvenuta quest’anno contro il Tottenham. Ne è nato anche il suo primo gol assoluto in questa competizione tanto atteso da anni (2 contando anche quello messo a segno nel secondo turno contro il Psv). Per Icardi però, la soddisfazione di essere riuscito almeno a segnare in Europa League. Ben 6 le reti del capitano nerazzurro tra il 2014/2015 e il 2016/2017.

Ben diverso da Higuain che invece in Europa può contare un bottino di gol pari a 23 in Champions League nelle 75 presenze totali più 10 assist senza considerare le 12 in Europa League e 5 assist in 25 gare con Napoli e ora il Milan. Un’impennata incredibile del Pipita che al momento pareggia i conti di questa sfida che sembra essere sempre più avvincente. Il record di gol dell’attaccante del Milan in Europa, è stato raggiunto con la maglia del Napoli nella stagione 2014/2015 quando di gol ne mise a segno addirittura 7.

Valore di mercato attuale in crescita per Maurito

I numeri e l’età parlando chiaro e non c’è molto da dire quando si parla di due campioni di questo calibro. Ma in questo caso si. Analizzando infatti la carta d’identità di entrambi, si evince come Icardi (25 anni) e Higuain (30 anni), possano avere attualmente anche un valore di mercato complessivo molto differente. Per l’attaccante nerazzurro, la sua valutazione attuale, secondo le stime del mercato, è pari a 95 milioni di euro con una clausola da 110 milioni di euro.

Il valore di mercato di Icardi (Transfermarkt)
in foto: Il valore di mercato di Icardi (Transfermarkt)

Dai solo 400mila euro del 2013 con la Sampdoria, Maurito da gennaio a luglio dello stesso anno, con il 19esimo compleanno festeggiato, è arrivato a toccare fino a quota 12. Un numero incredibile che l’ha poi portato fino all’Inter dove ha avuto il suo picco più alto nel tra gennaio 2014 e luglio dello stesso anno quando da 12 milioni di euro è arrivato a toccare quota 18 quando segnò 9 gol in A con i nerazzurri. Poi il picco dei 50 milioni nel 2017 quando si consacrò definitivamente e poi in un anno, dall’ottobre 2017 ad oggi, è arrivato addirittura a 95, frutto anche della sua continuità realizzativa.

Il valore di mercato di Higuain (Transfermarkt)
in foto: Il valore di mercato di Higuain (Transfermarkt)

Il picco di Higuain, che oggi ha un valore di mercato pari a 55 milioni, 40 in meno del connazionale, è arrivato nella stagione 2015/2016 quando da 40 milioni è arrivato fino a quota 65 per poi essere preso dalla Juventus. Nell’ultimo anno al Napoli segnò 36 gol in campionato in 35 gare. Poi il calo in bianconero. Dai 75 del primo anno fino ai 60 attuali frutto di un’ultima stagione in bianconero in cui di certo non ha brillato e ha portato il club a prendere altre decisioni (CR7).

I gol in Nazionale

E questa volta l’età dice bene ad Higuain. I suoi 30 anni possono anche essere visti come una sorta di esperienza del giocatore. Una maturità che negli anni l’ha portato lontano. Dal River al Real Madrid passando poi per Napoli, Juventus e Milan. Un cammino che di certo non è passato indifferente in Nazionale. Con la maglia dell’Argentina Higuain ha infatti segnato 31 gol in 75 presenze. E’ passato infatti molto tempo da quell’ottobre del 2009 quando il Pipita fece il suo ingresso in campo per la prima volta con la maglia della Seleccion. Avversario il Perù in vista delle qualificazioni per il Mondiale.

Higuain super in Nazinale argentina (Transfermarkt)
in foto: Higuain super in Nazinale argentina (Transfermarkt)

L’Argentina vinse 2-1 con gol di Gonzalo che giocò 67’. L’ultimo gol risale all’ottobre del 2016, sempre al Perù. Una rete che manca da esattamente due anni. Diverso invece il cammino di Icardi che a 25 anni ha cominciato adesso ad intravedere un po’ di spazio in Nazionale. Ha giocato in totale 6 presenze facendo il suo esordio nell’ottobre del 2013 quando la Seleccion affrontò l’Uruguay nelle qualificazioni per il Mondiale perdendo per 3-2-. Solo 7’ minuti per Maurito. Per lui solo un assist contro il Venezuela nel settembre del 2017, nulla più.

Il numero totale di tiri in porta dallo scorso anno ad oggi

Parità fino a questo momento, ma la statistica che potrebbe far cadere l’uno o l’altro, è prioritaria per un attaccante al fine di capire il loro impatto sulla partita: i tiri in porta totali dallo scorso anno ad oggi. Incredibilmente lo scorso anno Higuain finì al 10° posto in classifica generale per numero di tiri in porta totali: per la precisione 102 contro i 101 di Icardi che si piazzò 12° al pari di Politano (oggi suo compagno di squadra). Un tiro li ha quindi divisi.

I tiri totali dello scorso anno (WhoScored)
in foto: I tiri totali dello scorso anno (WhoScored)

Quest’anno invece il bilancio è leggermente in favore dell'argentino rossonero, Higuain è a 20 tiri totali e Icardi a 15. Ancora una volta al derby arriva il Pipita con più numeri dalla sua parte. Riuscirà a essere decisivo?

I tiri di Higuain ad oggi in campionato (WhoScored)
in foto: I tiri di Higuain ad oggi in campionato (WhoScored)

Vincendo anche la sfida dei tiri in porta che quindi in totale sarebbero: 122 per il Pipita e 116 per Maurito. Differenza minima e un distaccato che l’uno o l’altro potranno colmare presto nella stracittadina milanese che senza ombra di dubbio, vedrà proprio loro due come protagonisti assoluti. Nel più classico tango argentino.

I tiri ad oggi di Icardi in campionato (WhoScored)
in foto: I tiri ad oggi di Icardi in campionato (WhoScored)