Un grande Napoli batte il Liverpool 1-0 con un gol di Lorenzo Insigne al 90’, vince una partita memorabile e passa al comando del temutissimo Gruppo B, davanti a ‘Reds’ e Psg, vittorioso 6-1 con la Stella Rossa, tripletta di Neymar. La squadra di Ancelotti ha dominato e con pieno merito ha colto i tre punti contro la capolista della Premier League.

Ancelotti cambia uomini e modulo. Il Napoli è fluido, la difesa in fase di possesso è a 3, con Maksimovic, a metà campo torna dall’inizio Fabian Ruiz, in avanti Insigne e Milik. Klopp schiera i titolarissimi di quest’inizio di stagione, fuori capitan Henderson e il rientrante Lovren, al loro posto Keita e Gomez. In porta Alisson, il tridente fa paura con Salah, Firmino, Mané.

I primi venti minuti vengono giocati a velocità elevatissima. Il Liverpool ha due linee strette e vicine e cerca il contropiede vincente, il Napoli fa la partita, ma fatica a trovare gli attaccanti, quando Insigne viene imbeccato calcia di prima intenzione, pallone di poco al lato.

Dopo nemmeno venti minuti è costretto a lasciare il campo Naby Keita, il centrocampista tra gli applausi d’incoraggiamento del San Paolo è costretto a lasciare il campo, al suo posto entra Henderson.

Keita fuori per infortunio al 20’.
in foto: Keita fuori per infortunio al 20’.

I ritmi inevitabilmente si abbassano, ma la partita continua a vivere su un sottilissimo equilibrio. Koulibaly viene ammonito dopo un’entrata scomposta ma non cattiva su Van Dijk. Poco dopo la mezz’ora Milik aggancia con bravura un pallone e calcia subito, Alisson è attento e con una mano respinge. Nel finale Allan si prende la copertina, con un colpo di testa furbo evita un corner e strappa applausi, poi subisce un fallaccio da Milner, che viene ammonito.

Il Napoli inizia la ripresa a cento all’ora e per un buon quarto d’ora si gioca quasi esclusivamente nella metà campo del Liverpool. Milik cerca di segnare esattamente come fatto con il Parma, calcia con potenza, Alisson respinge in due tempi, poco dopo ci prova anche Ruiz l’ex numero uno della Roma blocca. Quando i Reds mettono la testa fuori rischiano grosso, Ruiz si inserisce bene, ma non ha la freddezza che serve per battere in porta e viene contrato da Milner.

Al 68’ effettua Ancelotti un doppio cambio: fuori Milik e Fabian Ruiz, dentro Mertens e Verdi, il 4-4-2 è molto offensivo. Con una rapida ripartenza il Liverpool si rende molto pericoloso Firmino imbecca Mané, Ospina esce e sventa il pericolo. Il Napoli spinge, attacca con il sostengo del pubblico, il Liverpool è in ambasce, gli azzurri collezionano corner, Alisson trema, ma tiene la porta inviolata.

Dopo un salvataggio sulla linea su un tiro di Callejon, il Napoli è ancora molto sfortunato quando Mertens si inserisce benissimo, calcia al volo e centra la traversa. Salah s’invola in contropiede, Ospina esce con il tempo giusto e con i piedi lo anticipa. E al 90’ arriva il meritassimo gol del Napoli, assist fantastico di Callejon, inserimento perfetto di Insigne che in spaccata tocca il pallone e batte Alisson. Il San Paolo esplode, il Napoli con merito batte il Liverpool e comanda nel girone.