Mateo Kovacic è stato uno dei protagonisti della cavalcata della Croazia ai Mondiali 2018 in Russia, che si è fermata solo in finale con la Francia, ma per lui il 15 luglio è stato un giorno molto triste. L’ex centrocampista dell'Inter, ora al Real Madrid, ha vissuto una giornata difficile non per la sconfitta ma perché, secondo quanto riporta il quotidiano spagnolo AS, Kovacic ha saputo un giorno prima della finale della morte di Dino Hodzic, amico d’infanzia ed ex compagno di squadra ai tempi del LASK Linz. Si tratta di una morte improvvisa, alla fine dell’allenamento, a soli 23 anni: la notizia è arrivata dalla Germania, dove Hodzic militava nello Schalding, club di quarta divisione. Un colpo molto duro per Kovacic che sta per affrontare la partita più importante della sua vita.

Ovo je za tebe 🙏🏻 R.I.P. Dino ❤️ #edvinhodzic

A post shared by Mateo Kovacic (@mateokovacic8) on

Nella foto postata sul su profilo ufficiale di Instagram Kovacic ha voluto dedicare la medaglia del secondo posto al Mondiale al suo amico indossando una maglia con su scritto “R.I.P. Dino” e un post davvero emozionante: ”Questa è per te, Dino. Riposa in pace”.

Il City vuole Kovacic dopo aver fallito Jorginho

Dopo aver fallito l’assalto a Jorginho, il Manchester City è pronto a consolarsi con Mateo Kovacic. Sarebbe il croato, in uscita dal Real Madrid, il centrocampista preferito da Pep Guardiola per rinforzare la squadra campione di Inghilterra: il problema sarebbe la valutazione che il Real Madrid farebbe del suo giocatore che, secondo il Daily Star, avrebbero chiesto ai Citizens la bellezza di 80 milioni di sterline, pari a 90 milioni di euro. Un prezzo assolutamente fuori mercato per un giocatore che raramente è stato protagonista sia nel club che con la sua nazionale, nonostante sia sempre pronto quando si sia sempre fatto trovare pronto quando lo hanno chiamato in causa.