Come sta Cristiano Ronaldo? Quanto tempo ci vorrà perché torni in campo? Ce la farà a recuperare in tempo per la partita di Champions contro l'Ajax? Sono le domande che rimbombano nella testa dei tifosi della Juventus che, appreso dell'infortunio di CR7 nella sfida contro la Serbia, hanno trattenuto il fiato quando dal Portogallo sono arrivate le prime notizie sulle condizioni del calciatore. Un problema ai flessori della gamba destra, ecco cosa ha costretto l'ex Real a fermarsi alla mezz'ora del primo tempo durante la partita di qualificazione a Euro 2020.

Oggi gli esami per valutare l'entità del problema muscolare

Quale sia l'entità del risentimento muscolare lo si capirà nella giornata odierna quando il campione lusitano – una volta rientrato a Torino – si sottoporrà a esami diagnostici. Nel frattempo, lo staff medico bianconero ha già contattato i colleghi della nazionale portoghese così da avere ulteriori ragguagli su cosa è accaduto.

Quali sono i tempi di recupero dall'infortunio

I timori? Che Ronaldo possa aver subito uno stiramento, in tal caso potrebbe aver bisogno dalle 2 alle 3 settimane per rimettersi in sesto e tornare in campo evitando pericolose ricadute. Molto, però, dipenderà dall'esito dei test: nella peggiore delle ipotesi (ovvero, lesione muscolare) i tempi di recupero potrebbero essere anche più lunghi. Mantenere la calma e attendere, null'altro può fare la Juventus che al momento resta ferma alle parole dello stesso CR7.

CR7: Non sono preoccupato, conosco bene il mio corpo

Frasi rassicuranti che il giocatore ha espresso al termine del gara ostentando relativa preoccupazione per quel dolorino che gli ha suggerito di non rischiare e fermarsi, chiedendo la sostituzione.

Nelle prossime 48 ore ne sapremo di più – ha ammesso Ronaldo nella mixed zone dopo la partita – ma non sono preoccupato per questo infortunio e soprattutto non ho alcun timore. Conosco bene il mio corpo. Sono cose che succedono, anche questo fa parte del calcio. Come si dice… chiunque cammina sotto la pioggia si bagna. Quanto tempo mi ci vorrà per stare bene di nuovo? Credo che in una o due settimane al massimo sarò a posto.

L'obiettivo è tornare in campo per la Champions

Una o due settimane al massimo, dice CR7 che spera di farcela – sia pure in extremis – per l'andata dei quarti di finale di Champions contro l'Ajax. Il 10 aprile si gioca il primo round all'Amsterdam Arena e nel tempio di Johan Cruijff lui non può mancare di certo. Non vuole e farà il possibile perché il suo fisico scolpito, allenato, coccolato, costruito con ore di allenamento in palestra e al campo sia pronto per una delle sfide più delicate della stagione.

Sostituito è rimasto in panchina, in piedi a bordo campo

Cosa induce all'ottimismo? Anzitutto, Ronaldo ha abbandonato il terreno di gioco camminando da solo. La leggera zoppia manifestata poco dopo aver tentato uno scatto lungo la fascia sembrava foriera di notizie peggiori ma il fatto che il calciatore sia rimasto in panchina e poi in piedi a bordo campo per protestare contro l'arbitro per un rigore non concesso rappresentano un segnale chiaro: è come se avesse voluto mostrare a tutti che – fitta a parte – lui sta bene. E niente lo può fermare.

Quante e quali partite salterà Cristiano Ronaldo

Quali gare salterà Ronaldo? Sicuramente le 3 partite di campionato che separano la Juventus dal match di Coppa contro i ‘lancieri'. Allegri aveva già pensato a un turnover ragionato per CR7 così da averlo riposato per l'appuntamento Champions adesso dovrà farne a meno per forza contro Empoli, Cagliari e Milan. Con ogni probabilità CR7 non ci sarà nemmeno contro la Spal (13 aprile), match di Serie A che cade tra l'andata e il ritorno dei quarti di finale (16 aprile, a Torino).