La Juventus soffre in casa dell'Ajax ma riesce a portare a casa un ottimo 1-1 in vista della gara di ritorno dell'Allianz Stadium. I bianconeri, passati in vantaggio nel finale di primo tempo con il solito gol di Cristiano Ronaldo, vengono raggiunti in avvio di ripresa da una rete del brasiliano Neres abile a sfruttare un grave errore di Cancelo. Nonostante un secondo tempo di grande sofferenza nel finale il neoentrato Douglas Costa ha addirittura la chance di riportare in vantaggio i campioni d'Italia ma il palo grazia gli olandesi.  Detto ciò andiamo a vedere le pagelle commentate dei protagonisti più attesi della sfida della Johan Cruijff Arena valido per l'andata dei quarti di finale della Champions League 2018/2019 tra l'Ajax di Erik ten Hag e la Juventus di Massimiliano Allegri.

 

CR7 rapace, Tadic illumina

Dopo sedici giorni di assenza per l'infortunio rimediato con la nazionale portoghese per quello che è uno dei match più importanti della stagione bianconera torna in campo il cinque volte Pallone d'Oro Cristiano Ronaldo. Inevitabilmente è lui l'uomo più atteso tra le fila bianconere, così come dall'altra parte invece i riflettori sono puntati sul serbo Dusan Tadic, già giustiziere del Real Madrid negli ottavi di finale. Tra i due però a cominciare meglio è il #10 dei padroni di casa che oltre a rendersi utile nello sviluppo della manovra offensiva dei suoi si rende protagonista di un'ottima azione personale che permette al giovane Van de Beek di calciare a rete da ottima posizione graziando però di fatto Szczesny con la sua conclusione che sfiora il palo e si perde sul fondo. Il primo squillo di CR7 arriva invece alla mezz'ora quando gira con forza un cross da calcio d'angolo anticipando il diretto avversario senza però riuscire a centrare il bersaglio grosso, anche qui per una questione di centimetri. Ma è proprio nei secondi finali della prima frazione che il fenomeno di Madeira si prende la scena con un perfetto colpo di testa in tuffo su cross del connazionale Cancelo che batte Onana e porta in vantaggio la compagine ospite.

Gol importante per la doppia sfida con l'Ajax ma anche per le statistiche dato che con questa rete (la 24a in carriera nei quarti di finale, la 41a se si considerano anche semifinali e finali) Cristiano Ronaldo diventa il giocatore ad aver segnato il maggior numero di gol alla Johan Cruijff Arena: sesto centro che gli permette di raggiungere in vetta a questa speciale classifica lo svedese Zlatan Ibrahimovic che con i Lancieri ci ha giocato dal 2001 al 2004. Ma la partita del #7 non si esaurisce con il gol anche si di occasioni da rete non ha più fino al novantesimo (anche quando si sposta nel ruolo di centravanti dopo il passaggio al 4-2-3-1 con gli ingressi di Douglas Costa e Dybala), così come quella di Dusan Tadic che anzi, nella ripresa, si rende ancora più utile soprattutto quando c'è da duettare nello stretto con i compagni di reparto .

Ziyech punge, Neres sfonda, Mandzukic evanescente

I due uomini più pericolosi per le due compagini sono però i compagni di reparto di quelle che alla vigilia erano le stelle più attese. Da un lato infatti sono le iniziative del marocchino Hachim Ziyech a creare grossi grattacapi alla difesa bianconera chiamando in causa Szczesny per ben tre volte nei primi venti minuti di gioco. Dall'altro ci pensa invece Federico Bernardeschi con le sue progressioni palla al piede a tenere sulla corda la difesa dei Lancieri di Amsterdam (suo anche l'unico tiro degno di nota di marca ospite nel primo quarto di gara). I due oltre ad attaccare inoltre si sacrificano molto in fase difensiva andando ad aiutare i centrocampisti sui capovolgimenti di fronte degli avversari. Nella ripresa però tra tutti gli attaccanti esterni in campo quello che brilla di più è invece il brasiliano David Neres che oltre al gol del pareggio con i suoi dribbling in area mette in costante apprensione la retroguardia olandese. Nel finale è invece il brasiliano della Juventus, Douglas Costa, mandato in campo al posto di un evanescente Mario Mandzukic, a prendersi la scena con le sue accelerazioni, una delle quali si conclude con un diagonale che centra in pieno il palo a Onana battuto.

Le conclusioni di Ajax e Juventus nel match della Johan Crujiff Arena (fonte WhoScored)
in foto: Le conclusioni di Ajax e Juventus nel match della Johan Crujiff Arena (fonte WhoScored)

Cancelo gioie e dolori, Tagliafico spina nel fianco

Protagonisti in negativo i due terzini schierati per l'occasione da Massimiliano Allegri. Tantissimi infatti gli errori commessi nel match sia da Alex Sandro che per Joao Cancelo, soprattutto sul piano tecnico. I due laterali infatti hanno un brutto impatto sulla gara rinvigorendo con alcune leggerezze le convinzioni di un Ajax che nei primissimi minuti di gioco sembrava invece quasi intimorita dai bianconeri. Entrambi, per fortuna della Juventus, alzano il proprio rendimento col passare dei minuti tanto che è il portoghese a regalare il morbido assist che CR7 trasforma nel vantaggio juventino nei minuti finali del primo tempo. Stesso avvio disastroso per Cancelo anche nella ripresa dato che è lui ad avviare l'azione che porta all'immediato pareggio di David Neres dopo appena trenta secondi dal rientro in campo. Molto più continui invece i pariruolo schierati da ten Hag: sia Tagliafico (ingenuo in occasione del giallo che gli costerà la squalifica per il match di ritorno) che Veltman infatti, salvo qualche rara eccezione, sono attenti in fase difensiva accompagnando spesso anche l'azione offensiva dei padroni di casa costringendo gli avversari ad abbassarsi, con l'argentino che riesce anche ad arrivare più volte alla conclusione.

Le heatmaps di Tagliafico (a sinistra) e Cancelo (a destra) nella gara di Amsterdam (fonte WhoScored)
in foto: Le heatmaps di Tagliafico (a sinistra) e Cancelo (a destra) nella gara di Amsterdam (fonte WhoScored)

Rugani non fa rimpiangere Chiellini, conferma De Ligt

Con l'infortunio occorso a Giorgio Chiellini Daniele Rugani ha finalmente l'occasione di dimostrare il proprio valore anche quando più conta, ossia nella fase ad eliminazione diretta della Champions League. Il classe '94 si gioca la propria chance con grande personalità regalando una grande prestazione (puntuale e preciso in marcatura) nella quale risolve numerose situazioni che potevano farsi complicate per la porta di Szczesny. Dall'altra parte a spiccare è invece il giovanissimo capitano dell'Ajax, Matthijs de Ligt, oggetto del desiderio della stessa Juventus per il prossimo mercato. Il 19enne infatti anche contro i bianconeri si conferma uno dei migliori prospetti d'Europa per quel che riguarda il ruolo di centrale difensivo giocando una partita molto attenta con alcune chiusure decisive che hanno di fatto salvato la sua squadra (da rivedere quello provvidenziale su Bernardeschi nel primo tempo). Lo stesso non si può dire per il suo più esperto compagno di reparto Blind che si perde Cristiano Ronaldo in occasione del gol del vantaggio bianconero.

Tabellino e voti

AJAX (4-3-3): #24 Onana 6; #3 Veltman 6, #4 De Ligt 7, #17 Blind 5.5, #31 Tagliafico 6.5; #6 Van de Beek 5.5, #21 De Jong 6.5, #20 Schone 5.5 (dal 75′ Ekkelenkamp 6); #22 Ziyech 6.5, #10 Tadic 6.5, #7 Neres 7. All. Ten Hag 6.5.

JUVENTUS (4-3-3): #1 Szczesny 6.5; #20 Cancelo 5, #19 Bonucci 6, #24 Rugani 7, #12 Alex Sandro 5.5; #30 Bentancur 6.5, #5 Pjanic 5.5, #14 Matuidi 6 (dal 75′ Dybala sv); #33 Bernardeschi 6.5, #17 Mandzukic 5 (dal 60′ Douglas Costa 6.5), #7 Ronaldo 6.5. All. Allegri 6.