Inter-Tottenham, otto anni dopo. Dal 20 ottobre 2010 al 18 settembre 2018. Martedì sera a san Siro andrà di scena il debutto in Champions League dei nerazzurri contro la squadra di Londra che a Milano, sempre in Champions, sfiorò una incredibile impresa, rimontando in parte il 4-0 iniziale per chiudere la partita 4-3. Una sconfitta, comunque, ma anche e soprattutto la serata speciale di una giovane stella nascente che avrebbe fatto parlare a lungo di sè: Gareth Bale.

L'esterno gallese, oggi al Real Madrid e allora tra le fila del Tottenham, si inventò nel secondo temo tre gol che spezzarono in due l'Inter di Rafa Benitez con una tripletta che aprì di fatto ciò che da lì a poche settimane più tardi divenne evidente: la crisi dei nerazzurri che solamente 4 mesi prima avevano festeggiato uno storico Triplete sotto Josè Mourinho.

Dal Tottenham al Tottenham

La serata di otto anni fa è ancora chiara e limpida negli occhi dei tifosi nerazzurri ed è quasi un monito a ciò che si dovrà evitare martedì sera per il ritorno tanto atteso in Champions League, dove l'Inter manca da anni e riparte dalla quarta fascia. Avversario di turno, il Tottenham, la stessa formazione inglese che decretò sul campo la fine dell'Inter del Triplete e che oggi dovrà sancire il ritorno di quella di Luciano Spalletti.

E' nata una stella: Gareth Bale

Gareth Bale in quella straordinaria serata di San Siro segnò tre gol straordinari, per forza, qualità, tecnica: il 21enne esterno diede sfoggio delle sue migliori caratteristiche umiliando Zanetti (oggi vicepresidente nerazzurro) e compagni. "Col senno del poi è stato forse il momento migliore della mia carriera" ha confermato l'oggi esterno del Real "Avevamo una occasione unica e ne approfittammo: avevamo di fronte i migliori e abbiamo dimostrato di essere all'altezza. Per me è stata la conferma che avrei potuto esprimermi davvero a certi livelli".

L'inizio della fine nerazzurra

Per l'Inter, invece, il triste e inesorabile declino. In vantaggio dopo 10 minuti 2-0, col poker in tasca a fine primo tempo, la squadra di Benitez franò nella ripresa, sommersa dalle corse di Bale. Da lì, l'oblio che trascinò l'Inter lontano dalle Coppe, fino alla totale esclusione per poi rientrare prima in Europa League e solo adesso in Champions League.

Il ritorno in Champions

Di fronte, ancora il Tottenham, con protagonisti e tempi differenti: oggi i nerazzurri si approcciano quasi da outsider, senza i favori del pronostico, in crisi di gioco e risultati e con un problema psicologico evidente che li ha portati a conquistare solamente 4 punti in altrettanti incontri.