Ormai ritiratosi a vita privata, Antonio Cassano si diverte ad osservare e a commentare da fuori le vicende del nostro campionato. Coinvolto da Sky Sport 24 nell'ormai famosa "querelle" Higuain-Milan, l'ex attaccante barese ha detto la sua e lanciato un'intrigante trattativa di mercato: "Higuain è l’unico giocatore decente del Milan, piuttosto che venderlo i rossoneri dovrebbero costruirgli una squadra buona attorno", ha spiegato l'ex Pibe di Bari.

"Con quei giocatori ovvio che si faccia fatica. Io farei come Gattuso: lo chiuderei in casa. Se avessi la bacchetta magica, lo metterei all’Inter al posto di Icardi, perché è un super campione. A Mauro direi ‘se vuoi andare, ciao: buon viaggio'. Questo è quello che penso io. I cori razzisti? Cose che non riesco a capire, siamo tutti uguali. Secondo me in Italia il problema esiste, ho l’impressione che siamo davvero un Paese razzista".

Zaniolo e il mercato

Nella lunga intervista concessa, Antonio Cassano ha parlato anche del suo passato: "Ho giocato nelle squadre più forti al mondo, non posso dire di non essere stato felice e fortunato. Sapevo che anche se avessi fallito, ci sarebbe stato un altro treno ad aspettarmi. Come ha detto Totti tempo fa io ho fatto il 50% di quello che realmente potevo fare. Facevo tanti disastri, non mi piaceva fare gli allenamenti. Se io per 15 anni avessi fatto quel che dovevo, diventavo come Messi".

"Il mercato? Qui ora fanno 2-3 partite buone e valgono 50, 60, 70 o 80 milioni. Il calcio sta andando in una direzione che non mi piace e sbagliata, è una roba pazzesca – ha concluso Cassano – Zaniolo erede di Totti? Sì, buonanotte…Lui è uno bravo, è giovane. Gioca molto sul fisico e per fare bene, deve stare bene. Mi piace perché ha anche personalità. Sarà un Pogba? Non lo so, ma mi piace. Se il PSG offre 80 milioni per Allan glielo porterei io a piedi a Parigi".