Per diverse settimane il suo nome è stato tra i più cliccati in rete. Soprattutto in Italia, dove i tifosi di Inter, Roma, Fiorentina, Lazio, Milan e Torino si erano divertiti a riguardare le sue giocate e i suoi gol. Quando davvero sembrava vicino al suo arrivo in Italia, Emre Mor ha invece spiazzato tutti e accettato la proposta del Celta Vigo. A confermare la conclusione della trattativa è stata proprio la società spagnola, che attraverso i suoi canali social ha dato il benvenuto al 20enne nato in Danimarca da padre turco e madre macedone. Il ragazzo ha infatti firmato un quinquennale da due milioni lordi, mentre al Borussia Dortmund sono andati circa 13 milioni di euro per il cartellino. "Rispettiamo questa decisione e auguriamo a Emre successo per il suo futuro", ha dichiarato il direttore sportivo del Dortmund, Michael Zorc.

Il tentativo "last minute" di Urbano Cairo

Arrivato in Bundesliga nell'estate scorsa e dopo un bonifico di 9 milioni di euro al Nordsjaelland, Emre Mor ha collezionato 19 presenze e 1 gol con il Borussia Dortmund lasciando spesso intravedere il suo talento. Sul giocatore si erano scatenate soprattutto Fiorentina e Inter. I viola erano ad un passo dal chiudere l'operazione per 13 milioni di euro. L'Inter, invece, aveva offerto più dei toscani, ma si era tirata indietro a causa delle richieste di commissionedi Muzzi Ozcan (agente del giocatore) giudicate troppo esose dalla dirigenza nerazzurra. Nelle ultime ore ci aveva provato anche il Torino che, spaventato dal costo del giocatore, aveva provato inutilmente a chiedere al Dortmund il prestito. Per il Celta Vigo, si tratta dell'operazione di mercato più costosa della sua storia.