Quindici milioni di euro alla Juventus, stipendio da dieci milioni di euro a stagione da versare nelle tasche del calciatore (più del doppio rispetto all'ingaggio attuale di 4 milioni). Sono questi i termini dell'offerta economica fatta dal club cinese dello Shanghai Shenhua per avere il colombiano Juan Cuadrado (adesso in vacanza dopo l'impegno in Copa America coi Cafeteros). Una bella somma per il calciatore che ha un contratto fino al 2020 e tra pochi mesi entrerà in scadenza. Un'opportunità che a Torino vorrebbero cogliere al volo per fare cassa e monetizzare la cessione dell'esterno d'attacco colombiano che, complice il sovraffollamento nel reparto avanzato e le scelte del neo allenatore, vedrebbe gli spazi inevitabilmente ristretti.

L'offerta dello Shanghai Shenua per Cuadrado

Quante possibilità ci sono che Cuadrado lasci effettivamente la Juventus? Secondo le notizie di mercato dell'ultima ora ci sarebbe stato già un incontro a Milano – ne dà notizia il quotidiano torinese Tuttosport – tra lo staff bianconero e la dirigenza della società cinese, decisa ad affondare il colpo rispetto alla reticenza mostrata dalla Roma per El Shaarawy. La distanza tra domanda (26 milioni) e offerta (20 milioni) ha fatto sì che lo Shanghai cambiasse obiettivo e spostasse i riflettori sul calciatore sudamericano.

La Juve non ha detto ancora sì ma s'è concessa un po' di tempo riflettere, così da valutare con attenzione l'aspetto economico della proposta ricevuta. Dovesse andare a buon fine la transazione, Cuadrado ritroverebbe al di là della Grande Muraglia due connazionali che lo aiuterebbero a inserirsi nel nuovo ambiente: si tratta di Giovanni Moreno (che è anche capitano dello Shanghai) e dell'ex calciatore dell'Inter, Fredy Guarin (quest'ultimo accostato di recente al Parma e all'Atalanta per un clamoroso ritorno in Italia).

Quanto vale oggi Cuadrado

Quanto vale oggi Cuadrado? Secondo la quotazione indicata da Transfermarkt il costo del cartellino si attesta sui 18 milioni di euro per il calciatore oggi 31enne e reduce da un infortunio al ginocchio che nella scorsa stagione lo ha tenuto lontano dal campo per 23 gare ufficiali, nel periodo compreso tra il 12 dicembre 2018 e il 10 aprile 2019 (119 giorni, quasi quattro mesi). A Torino l'ex ala di Udinese e Fiorentina ha conquistato 8 titoli (4 scudetti, 3 Coppe Italia e 1 Supercoppa italiana), segnato dopo 14 gol realizzati in 137 presenze.