E' tempo di derby è tempo di Inter-Milan. Una sfida tutta cinese nelle proprietà delle due società meneghine e con tantissimi probabili protagonisti in campo. In un San Siro tutto esaurito domenica sera ci saranno 90 minuti da giocare col fiato sospeso per entrambe le tifoserie. Per quella nerazzurra è il test-match del primo importante allungo dopo 19 punti in sette giornate; per quella rossonera la prova del 9 per rientrare nel pacchetto di testa e riprendere contatto con la Zona Champions. Intanto, l'ex capitano interista Javier Zanetti, oggi vice presidente della società, si è divertito a stilare il proprio undici di sempre: con la creme in campo, da Milito a Ronaldo.

Un derby da protagonisti.

Inter favorita, Milan in ritardo.

La squadra di Luciano Spalletti non è di certo all'altezza di quella disegnata da Javier Zanetti ma domenica sera nel derby di Milano l'Inter dovrà giocare come avesse 11 fenomeni in campo. L'obiettivo è vincere per scacciare ancor più lontano il Milan e soprattutto per dare un primo slancio ad una classifica che potrebbe diventare davvero positiva. Le premesse ci sono, l'atmosfera, il clima, l'autostima sono ai massimi livelli ma sarà il campo a dare l'ultima parola.

Zanetti ridisegna la formazione.

Javier Zanetti non sarà in campo né in panchina ma dalla tribuna presidenziale tiferà nerazzurro. I colori che gli hanno conferito fama e gloria e ai quali si è legato anche una volta appese le scarpette al chiodo. Non ci saranno fenomeni assoluti da tifare ma pur sempre una squadra che dovrà mettere tutto e oltre nei 90 minuti a disposizione. E per dare ancor più convinzione all'ambiente, si è divertito a stilare l'undici più forte di sempre della storia dell'Inter, ispirazione per il derby di domenica.

Il miglior 11 di sempre per Zanetti.

Turnover in porta, in coppia con Cambiasso in mediana.

In porta è subito turn-over per Zanetti:il primo tempo va a Julio Cesar, portiere del Triplete, il secondo a Francesco Toldo, oggi all'interno della società interista. In mezzo al campo non poteva mancare la coppia che nel 2010 ha trascinato l'Inter in vetta al Mondo: lo stesso Zanetti con l'amico e connazionale Esteban Cambiasso. Per loro tantissimo lavoro di copertura perché in avanti c'è di tutto e di più: Ronaldo, Baggio, Eto’o e Milito tutti insieme.

Attacco stellare con 4 fenomeni.

La migliore formazione dell'Inter di Zanetti vede un 4-2-3-1 in cui fanno parte anche lo ‘Zio' Beppe Bergomi, Maicon e Roberto Carlos sulle fasce. Poi Samuel, a completare i centrali di difesa
Inter: Julio Cesar; Maicon, Bergomi, Samuel, Roberto Carlos; Zanetti, Cambiasso; Ronaldo, Baggio, Eto'o; Milito