Schietto, come sempre. Francesco Totti non ha usato filtri per commentare l'operato dell'arbitro Rocchi e soprattutto dei suoi colleghi al Var in occasione di Roma-Inter. Oggetto delle dichiarazioni del Pupone, ex bandiera capitolina e attuale dirigente, l'episodio relativo al calcio di rigore non concesso alla squadra giallorossa nel primo tempo per un fallo su Zaniolo.

Totti sul rigore non concesso a Zaniolo in Roma-Inter

Francesco Totti è intervenuto ai microfoni di Sky, al posto del tecnico Eusebio Di Francesco per parlare di Roma-Inter. Il dirigente capitolino ha voluto dire la sua su uno degli episodi più discussi della partita, ovvero il fallo da rigore su Zaniolo non sanzionato da Rocchi e non preso in considerazione dal Var. Queste le parole dell'ex capitano, che non ha usato giri di parole: "Come è possibile che quelli della Var non vedano un fallo simile? E' una vergogna, l'hanno visto tutti. Che ci stanno a fare, chiamate loro e diano una spiegazione. Perché non intervengono loro pubblicamente a dare una spiegazione?"

Le critiche di Totti al Var

Oggetto delle critiche di Totti, più che l'operato di Rocchi arbitro della gara, quello dei suoi colleghi al Var. Ecco la battuta amara dell'ex numero 10 della Roma: "Chi era alla Var? Fabbri? Stava a vedere un'altra partita. Così non si può andare avanti. Non stiamo cercando alibi, ma se davano il rigore sarebbe stata un'altra partita anche perché l'Inter dopo ha segnato sulla stessa azione. Diventa difficile poi rimontare una squadra forte come l'Inter".

Totti fa i complimenti a Zaniolo

Archiviato il capitolo arbitrale Francesco Totti ha speso bellissime parole per Zaniolo, uscito dal campo tra gli applausi di tutto l'Olimpico: "Sembra un veterano, gioca con facilità. Sta dimostrando il proprio valore a suon di prestazioni, è esplosivo, ha forza e tecnica. Ha tutti i mezzi per diventare un grande giocatore. I tifosi vogliono sempre il massimo dalla squadra. Diciamo bravi ai ragazzi per la qualificazione in Champions. La stagione è lunga, centreremo i nostri obiettivi. Fino ad oggi il nostro campionato non è stato da grande squadra, con troppi alti e bassi. Aver raggiunto gli ottavi di finale è un bel passo in avanti. Vogliamo dimostrare di essere forti, il mister starà cercando di trovare la soluzione migliore per uscire fuori da questa situazione. Ripartiamo da oggi".