Confusione in campo, soprattutto nel primo tempo di Italia-Polonia, ma anche negli studi Rai per il consueto post-partita. Protagonisti di un siparietto diventato virale nelle ultime ore, Marco Tardelli campione del mondo nel 1982 e opinionista, e Jorginho. Il primo si è reso protagonista di una doppia gaffe nei confronti dell'ex centrocampista del Napoli e attuale perno di centrocampo del Chelsea che non ha perso tempo per correggerlo in diretta.

Tardelli, la doppia gaffe con Jorginho dopo Italia-Polonia

Subito dopo il fischio finale di Italia-Polonia 1-1, Jorginho si è presentato ai microfoni della Rai per la consueta intervista post-partita. Ecco allora le prime domande per lui di Marco Tardelli, l'ex campione del mondo e opinionista che si è reso protagonista però di una doppia gaffe. Nel criticare la prestazione del centrocampista, l'ex calciatore e allenatore ha dichiarato "Non giochi come a Manchester". Il giocatore, stizzito non ha perso tempo per chiarire "Innanzitutto per prima cosa Jorginho non ha mai giocato a Manchester" evidenziando la confusione del suo interlocutore tra la squadra di Guardiola e il Chelsea di Sarri. Tardelli un po' confuso ha si è scusato, chiamando però l'azzurro "Serginho". Un doppio errore che immediatamente ha fatto il giro del web.

Tardelli critica Jorginho, la risposta del giocatore

Oltre alle due gaffe, Tardelli si è dimostrato molto critico nei confronti della prestazione del centrocampista protagonista a suo dire di un primo tempo "brutto" e condizionato da "tantissimi errori". Ecco come ha risposto Jorginho: "Non siamo riusciti a trovare le linee di passaggio, a dare ritmo alle nostre giocate. Io personalmente ho sbagliato parecchio. Ci vuole tempo, è poco che giochiamo insieme. Io sono fiducioso perché vedo una squadra che cerca di giocare a calcio. Credo che questo sia importante, siamo sulla strada giusta. Quando hai un uomo addosso che non guarda la partita ma guarda solo te devo portarlo via e fare spazio per avere più possibilità di giocata. Se sono pressato nel mio ruolo non posso prendere palla. Faccio spazio ad un mio compagno e faccio giocare lui. Non è la mia miglior partita ma dobbiamo essere sereni e tranquilli. Se io ho l'uomo addosso non posso fare chissà che cosa, ma faccio spazio ad un compagno".

Jorginho e la domanda nel finale dell'intervista Rai

Il calciatore del Chelsea è rimasto tranquillo ma ha risposto in maniera decisa all'opinionista Rai chiarendo di non essere responsabile della prestazione dei suoi compagni di reparto. Prima di andare via ecco la domanda: "Con chi ho parlato?". Alla risposta "Marco Tardelli", nessuna replica per l'ex Napoli che ha ribadito di essere pronto a migliorare accettando anche le critiche.  Domanda provocatoria o reale interesse per Jorginho che non aveva capito chi fosse il suo interlocutore?