Appuntamento a Nyon, ore 12. Tra le magnifiche otto squadre della Champions c'è anche la Juventus. Trascinata da Ronaldo, sull'onda dell'entusiasmo per il 3-0 che ha annichilito l'Atletico Madrid, la squadra di Allegri ha lanciato un messaggio forte e chiaro: lotterà #finoallafine per arrivare alla finale del Wanda Metropolitano di Madrid. E che sfizio sarebbe per CR7 alzare il trofeo nello stadio degli acerrimi rivali di sempre, di quando indossava la maglia del Real… già, il Real crollato al Bernabeu al cospetto dell'Ajax dopo aver dominato la scena internazionale. No Cristiano, no party…

Juve, chi conviene pescare nel sorteggio dei quarti di finale

Quattro inglesi (Manchester United, Manchester City, Liverpool, Tottenham), una spagnola (il Barcellona di Messi "impressionato" dalla partita dei bianconeri contro i colchoneros), nessuna tedesca, una olandese (Ajax) e i lusitani (Porto): sono questi i nomi delle avversarie inseriti nei bussolotti e nell'urna per il sorteggio dei quarti di finale.

  • Chi è meglio prendere? Sulla carta l'abbinamento più ‘agevole' appare quello con la formazione di Conceiçao che ha faticato contro la Roma, così come i ‘giovani lancieri' potrebbero non avere abbastanza esperienza per resistere alla pressione del doppio confronto di Coppa. La Juve, però, fa spallucce: dopo aver schiantato il Cholo sa che può tutto.
  • Chi può pescare in percentuale? A giudicare dal numero delle squadre presenti nell'urna, la Juventus ha il 50% delle possibilità di essere sorteggiata con una delle formazioni della Premier League.

Il bilancio dei precedenti: attenzione al Manchester United

Allarme Red Devils e non solo perché nella fase a gironi la squadra allora allenata da Mourinho violò l'Allianz Stadium. Il bilancio dei precedenti racconta che, eccezion fatta per i diavoli rossi di Old Trafford, la Juve è in vantaggio rispetto a tutte le altre concorrenti.

  • Tottenham Due i precedenti recenti legati agli Spurs, con la ciliegina sulla torta dell'uno-due micidiale piazzato con Dybala e Higuain a Londra: 2-2 a Torino, 1-2 al Wembley Stadium (un pareggio, una vittoria).
  • Manchester City Tre vittorie, due pareggi e una sconfitta è il computo delle sfide con i Citizens tra Champions, Europa League e la ‘vecchi' Coppa Uefa. A quando risale l'ultimo confronto? Alla fase a gironi dell'edizione 2015/2016: la Juventus vinse in entrambe le occasioni (2-1 in Inghilterra, 1-0 a Torino).
  • Manchester United Sei vittorie a testa e due pareggi in quattordici match. E' contro il club di Old Trafford che la Juventus non è in vantaggio nella conta dei precedenti. L'ultimo, quello della mano all'orecchio di Mou, non è piacevole affatto
  • Liverpool Finalisti della scorsa edizione della Champions, i Reds potrebbero ritrovare sulla loro strada ancora una volta CR7. Quanto ai precedenti con la Juventus, la ferita dell'Heysel non s'è mai rimarginata e quella Coppa vinta nel 1985 è legata a una delle pagine più nere e tragiche del calcio. Sei gli scontri diretti: tre vittorie per la vecchia signora, due pareggi e una sconfitta.
  • Barcellona Con i catalani c'è un conto aperto… nel 2015, a Berlino, il Barça di Messi, Suarez e Neymar sconfisse la Juventus in finale di Champions e adesso sarebbe bello batterli al Wanda Metropolitano per prendersi la rivincita. Sono tredici nel complesso i precedenti coi blaugrana: cinque vittorie dei bianconeri, quattro pareggi e altrettante sconfitte.
  • Porto Cinque le sfide coi lusitani, di cui quattro in Champions e una in Coppa delle Coppe. Com'è andata a finire? Quattro vittorie per i bianconeri e un pareggio. Nel 2017 l'ultimo precedente: successo a Oporto (2-0) e replica a Torino (1-0).
  • Ajax Il possibile abbinamento coi lancieri evoca dolci ricordi. E' contro gli olandesi che nel 1996 i bianconeri conquistarono la seconda Champions della loro storia. Trofeo che manca da allora nella bacheca. Dodici i precedenti con l'Ajax anche in questo caso a beneficio della Juve: sei vittorie quattro pareggi e due sconfitte.