Il Milan ha scelto Simone Inzaghi. Il tecnico fresco vincitore della Coppa Italia con la Lazio è in cima alle preferenze della dirigenza rossonera per diventare il nuovo allenatore raccogliendo l'eredità di Gennaro Gattuso. Tra il dire e il fare però c'è di mezzo il presidente Lotito, e la trattativa tra il club del capoluogo lombardo e quello capitolino per liberare Inzaghi che ha ancora un anno di contratto in biancoceleste. Un'operazione tutt'altro che semplice.

Il Milan ha deciso, Simone Inzaghi nuovo allenatore

Il Milan ha rotto gli indugi scegliendo il nome del successore di Gennaro Gattuso. Le ultime notizie di mercato raccontano della volontà della dirigenza rossonera di puntare con decisione su Simone Inzaghi: secondo quanto riportato da Sportmediaset infatti, il colloquio tra l'ad Gazidis e Paolo Maldini ha visto le parti convergere sulla scelta dell'allenatore piacentino. In particolare la grande gloria Maldini, si sarebbe incaricata di portare avanti personalmente la trattativa, tutt'altro che semplice. Infatti prima di poter procedere all'affondo decisivo, e alla convocazione del nuovo allenatore a Casa Milan, bisognerà trovare l'accordo con la Lazio per liberare Inzaghi.

La trattativa con la Lazio per liberare Simone Inzaghi, le ultime notizie

Il tecnico ha un contratto con il club capitolino fino al 2020 e gli incontri dei giorni scorsi con il presidente Lotito non hanno portato ad alcun accordo con le parti distanti tra domanda (di adeguamento del vincolo contrattuale) e offerta. Le cose ora potrebbero cambiare, in quanto Inzaghi ha la certezza del gradimento del Milan (la Juventus ha manifestato per lui solo interesse considerandolo una sorta di "piano B") e potrebbe spingere con il patron per ottenere la risoluzione.

Quale sarà lo stipendio di Inzaghi al Milan e quando potrebbe esserci l'annuncio

Quello che è certo è che la trattativa potrebbe non essere semplice, con il Milan però che ha intenzione di fare sul serio mettendo sul piatto un triennale da 2.5 milioni di euro. Saranno ore calde sull'asse di mercato Roma-Milano, e alla luce dei tempi tecnici per la doppia trattativa, in avvio della prossima settimana si potrebbe arrivare alla svolta, con il Milan che spera di chiudere per Inzaghi entro martedì.

Qual è l'alternativa a Simone Inzaghi per la panchina del Milan

Se Simone Inzaghi rappresenta il piano A per il Milan, la prima alternativa in caso di mancato accordo con la Lazio potrebbe essere Marco Giampaolo. Sull'allenatore della Sampdoria però c'è anche la Roma in un vero e proprio valzer delle panchine. Sfumate invece le possibilità Jardim-De Zerbi, entrambi sono destinati a restare rispettivamente al Monaco e al Sassuolo. Non c'è solo l'incarico per il nuovo allenatore sul tavolo della dirigenza rossonera, si lavora infatti anche per il restyling della dirigenza che potrebbe passare dal ritorno di Costacurta nelle vesti di club manager