E' durata solo pochi mesi  l'avventura in rossonero di Gonzalo Higuain. Il bilancio del Pipita, prossimo a diventare un nuovo giocatore del Chelsea, alla corte del Milan è stato senza dubbio al di sotto delle aspettative. Un rendimento negativo, che ha confermato quella che può essere considerata una maledizione che sembra aver colpito nelle ultime stagioni (e non solo), i giocatori che hanno lasciato la Juventus per trasferirsi al Milan sul calciomercato.

Gonzalo Higuain, flop di mercato per il Milan

Gonzalo Higuain è stato l'ultimo di una lunga serie di calciatori che hanno lasciato la maglia della Juventus per vestire quella del Milan. Una scelta per certi versi obbligata quella del Pipita, scaricato dai bianconeri dopo l'arrivo di Cristiano Ronaldo. 6 mesi in prestito a Milan con pochi gol (8 in 22 presenze), e tanto nervosismo per il centravanti che avrebbe dovuto risolvere i problemi offensivi della squadra di Gattuso e invece ora ritroverà Maurizio Sarri al Chelsea.

La maledizione sull'asse di mercato Juventus-Milan

Nella scorsa estate di calciomercato, l'asse di trattative Juventus-Milan è stato caldissimo. Oltre al Pipita, hanno cambiato maglia anche Leonardo Bonucci e Mattia Caldara. Il primo a sorpresa è tornato in bianconero dopo una sola stagione da capitano dei rossoneri. Un'annata quella nella città del duomo, anche in questo caso al di sotto delle aspettative per il numero 19 che arrivato per "spostare gli equilibri", non è riuscito a ripetere il rendimento delle stagioni passate alla corte della Vecchia Signora. Arrivederci alla Juve maledetto anche per Mattia Caldara che prima non è riuscito a convincere mister Gattuso dal punto di vista tattico, e poi è stato vittima di un grave infortunio muscolare. Il risultato? Una sola presenza con il Milan.

Milan, gli affari di mercato flop del passato con la Juventus

Anche in passato l'asse di calciomercato Juventus-Milan si è rivelato tutt'altro che positivo per chi ha lasciato i bianconeri. Matri passato in rossonero dopo i 29 gol in 83 gare con la maglia della Juventus, ha segnato con la nuova maglia una sola rete. Brevi le parentesi anche di Abbiati e Legrottaglie (quest'ultima poco fortunata), mentre andando ancor più a ritroso si possono ricordare i flop di Paolo Rossi nel 1985 e di Roberto Baggio 10 anni più tardi (tra i trasferimenti invece più fortunati sicuramente quello di Pippo Inzaghi nel 2001).

I calciatori che via dalla Juventus hanno deluso le aspettative

A prescindere dalla destinazione però si può dire che i giocatori che nelle ultime stagioni hanno lasciato la Juventus, sono stati spesso e volentieri protagonisti di stagioni deludenti. Basti pensare a Simone Zaza che dopo lo scudetto 2015-2016 con tanto di gol pesante nello scontro diretto contro il Napoli, non è riuscito a lasciare il segno con le casacche di West Ham, Valencia e Torino (finora). Anche Alvaro Morata ha vissuto annate travagliate: in primis al Real Madrid con poco spazio da titolare e poi al Chelsea dove non è riuscito a giocare con continuità. Anche Llorente, ceduto dai bianconeri, è finito per accomodarsi spesso e volentieri in panchina tra Siviglia, Swansea e Tottenham. Curioso poi il caso di Schick, che ha sfiorato la casacca della Juventus nell'estate 2017 prima di essere scartato per il mancato superamento delle visite mediche: tanta fatica per lui nella Roma