In un clima di contestazione perenne, James Pallotta è chiamato a prendere una decisione che potrebbe condizionare la prossima stagione. Dopo l'addio di Claudio Ranieri, il presidente della Roma è infatti senza allenatore: il tutto a pochi giorni dal raduno estivo a Trigoria e nel mezzo dei primi movimenti di mercato. Sfumati Gasperini e Conte e scartato Sinisa Mihajlovic (che avrebbe provocato un corto circuito nella tifoseria, per il suo passato laziale), il club capitolino deve dunque decidere e scegliere tra uno dei pochi nomi rimati in corsa.

Al di là della suggestione Gattuso, in lizza per la panchina giallorossa sarebbero quindi rimasti soltanto De Zerbi e Fonseca. Il tecnico del Sassuolo piace per le idee e per la sua esperienza già maturata in Serie A: un dettaglio importante, che invece l'allenatore dello Shakhtar Donetsk non può offrire. Sull'eventuale scelta del portoghese pesa inoltre l'aspetto economico, poiché il biennale offerto dovrebbe prevedere un ingaggio di quasi 3 milioni di euro all’anno.

Il tentativo per ten Hag e il precedente per Ziyech

Nelle scorse ore è infine uscito anche il nome di Erik ten Hag: l'allenatore dell'Ajax dei miracoli. A rilanciare il contatto tra la Roma e il tecnico dei Lancieri è stata Sky Sport, che ha spiegato del tentativo dei giallorossi e della risposta negativa del club di Amsterdam: intenzionato a trattenere l'olandese che tanto bene ha fatto in questa stagione ad Amsterdam.

A complicare le cose, secondo il quotidiano olandese "De Telegraaf", sarebbe inoltre stato il comportamento che nella scorsa estate la Roma ha tenuto in occasione della trattativa per Hakim Ziyech. Cercato da Monchi, il marocchino fu infatti sedotto e abbandonato dall'allora direttore sportivo dopo aver raggiunto un accordo per un quinquennale. Un affare che non si è concretizzato e che ha finito per condizionare anche l'assalto a ten Hag.