Dopo la lunga sosta, torna la Serie A con il primo dei tre anticipi del sabato della prima giornata di ritorno: Roma-Torino. Allo stadio Olimpico, che riapre a pochi giorni dal rotondo successo dei giallorossi in Coppa Italia contro l'Entella, la squadra di Di Francesco dovrà vedersela con i granata di Mazzarri: reduci da due pareggi e una vittoria nelle ultime tre partite. "Il Torino è una buona squadra e Mazzarri è molto attento nel preparare la partita – ha spiegato il tecnico della Roma – L'ha dimostrato molte volte, soprattutto in trasferta dove è imbattuto".

Ala vigilia del match, nella consueta conferenza stampa, l'allenatore romanista ha inoltre parlato dello stato di salute della sua formazione: "Siamo cresciuti ma ci siamo riammalati spesso quest'anno. Spero non capiti ancora. Ora trovo che ci sia un giusto approccio alle gare e mi auguro sia così anche contro i granata. Non sarà facile, ma dobbiamo vincere e cercheremo di sbloccarla il prima possibile".

Il mercato e gli infortunati

Durante l'incontro con la stampa, Di Francesco ha anche toccato il tasto legato al mercato invernale: "Monchi sta valutando delle opportunità ma non sono d'accordo di fare qualcosa tanto per fare e anche il direttore è d'accordo. Se si può migliorare la rosa va bene altrimenti rimaniamo come siamo". Contro Andrea Belotti e compagni, l'ex tecnico del Sassuolo sarà intanto costretto a schierare una formazione ancora stravolta dagli infortuni.

"Sono fuori Mirante, De Rossi, Perotti e Juan Jesus, mentre per Nzonzi valuterò la sua condizione nelle prossime ore – ha concluso Di Francesco – Manolas ci sarà quasi sicuramente. Se non avrà problemi oggi, sarà disponibile. Florenzi invece non è ancora al meglio e devo valutare se convocarlo. Dzeko e Schick sono in ottima condizione, ma Edin è leggermente favorito. Pastore? Sta ritrovando la condizione, ora deve solo acquisire continuità".